Il Canada vieterà alle compagnie aeree le espulsioni per overbooking

Un aereo in partenza dal Canada (Getty Images)
3' di lettura

Una proposta di legge presentata dal ministero dei Trasporti potrebbe introdurre anche nuove forme di indennizzo per i ritardi e i disguidi con i bagagli. E l'obbligo di un servizio speciale per far viaggiare anche gli strumenti musicali

I passeggeri di qualsiasi volo acquistato in Canada non potranno essere costretti a scendere dall'aereo per overbooking. Questa una delle proposte contenute nel pacchetto di emendamenti al Canada Transportation Act, la legge che regola il settore trasporti in Canada, riportato dal "Guardian".

Nuove regole in vigore dal 2018

“I passeggeri devono essere trattati come persone non come numeri” ha detto il ministro dei Trasporti, Marc Garneau, durante la presentazione alla stampa della lista di modifiche legislative che, oltre a una nuova carta dei diritti, introdurrà anche diverse novità in tutto il comparto. Come ad esempio i nuovi limiti di proprietà straniere per le compagnie aeree,l'installazione di i videoregistratori vocali e video nelle locomotive dei treni e norme sul miglioramento della trasparenza e dell'efficienza nel trasporto ferroviario delle merci. Ma è il capitolo sul trattamento dei passeggeri quello che Garneau ha presentato come la vera novità della proposta, anche alla luce degli episodi delle scorse settimane. Come quello accaduto a David Dao, medico 69enne costretto con la forza a scendere da un volo della United Airlines in partenza da Chicago; o al caso della famiglia Schear, obbligata a lasciare i propri posti sul volo Delta Air Lines in partenza dalle Hawaii e diretto a Los Angeles. Comportamenti che, ha dichiarato Garneau, non saranno tollerati su qualsiasi volo in partenza o in arrivo sul suolo canadese. “Quando i Canadesi acquistano un biglietto aereo si aspettano che la compagnia aerea faccia la propria parte nell'accordo", ha detto Garneau.

I nuovi indennizzi per i passeggeri

Il ministro ha poi comunicato che saranno anche introdotti nuovi livelli minimi di indennizzo per i passeggeri che sceglieranno volontariamente di lasciare un volo in caso di overbooking. Ma, se le compagnie non dovessero trovare volontari, allora saranno costrette ad aumentare l'offerta dei propri voli. Garneau si è espresso anche sui risarcimenti legati ai ritardi e alle cancellazioni dei voli e a quelli previsti per la perdita o il danneggiamento del bagaglio, dichiarando che le attuali regole sono “opache”. E anticipando che la nuova carta dei diritti obbligherà le compagnie a una compensazione giusta e a una maggiore trasparenza riguardo alle regole sulle modalità per farne richiesta. Buone notizie anche per i genitori e i musicisti: i primi non saranno più costretti a pagare una tassa per sedersi accanto ai loro figli; i secondi saranno garantiti da una norma che obbligherà a prestare un servizio speciale per il trasporto degli strumenti musicali.

Leggi tutto