Attentato a San Pietroburgo, Trump chiama Putin: "Sostegno totale"

1' di lettura

Nella telefonata il presidente americano ha offerto le sue condoglianze alla Russia dopo l'attacco alla metropolitana del 3 aprile, e ha ribadito l'impegno nella lotta al terrorismo. Le Nazioni Unite: “Attacco barbaro e vile”. FOTO - VIDEO

Donald Trump ha chiamato il presidente russo Vladimir Putin per porgli le sue condoglianze dopo l’attentato alla metropolitana di San Pietroburgo del 3 aprile (LA CRONACA DELLA GIORNATA). A riferire del colloquio telefonico è stato in un primo momento il Cremlino, seguito poco dopo dalla Casa Bianca.

 

Trump a Putin: "Pieno sostegno" per lotta al terrorismo - Durante la telefonata Trump ha offerto “il pieno sostegno degli Stati Uniti nel rispondere all’attacco e nel portare avanti tutte le azioni per fare giustizia e punire i responsabili”. Come hanno poi ricordato da Washington, i due leader hanno concordato anche sul fatto che “il terrorismo deve essere sconfitto in modo decisivo e rapido”, con azioni congiunte. 

 

La condanna dell'Onu: "Attacco barbaro e vile" - Intanto, anche la comunità internazionale ha condannato l’attentato in Russia (LE FOTO). L’Onu ha definito l’attacco come “barbaro e vile” e i membri del Consiglio hanno espresso “la loro profonda solidarietà e cordoglio alle vittime di questo atto atroce di terrorismo, alle loro famiglie, al popolo e al governo russo”, come si legge nel comunicato. Poi la richiesta: “I responsabili, gli organizzatori, i finanziatori e i mandanti di questi atti riprovevoli devono essere portati davanti alla giustizia”.

 

Leggi tutto