Gb, allerta terrorismo innalzata per centrali nucleari e aeroporti

1' di lettura

Secondo il Telegraph, i servizi di sicurezza britannici temono nuove modalità d’attacco da parte dell’Isis o al Qaeda, come sistemi per imbottire laptop, tablet e smartphone di esplosivo non rilevabiile o la violazione tramite hacker dei sistemi di sicurezza dei siti nucleari

Allerta sicurezza ulteriormente rafforzata in Gran Bretagna contro le minacce terroristiche. Non solo negli aeroporti, ma anche nelle centrali nucleari. Lo riferisce il Daily Telegraph, secondo il quale nelle ultime 24 ore i servizi di sicurezza britannici hanno diramato una serie di segnalazioni sul fatto che gruppi come l'Isis abbiano già sviluppato sistemi per imbottire di esplosivo laptop, tablet o telefoni cellulari in grado di sfuggire ai controlli attuali, e anche - e questa è una novità rispetto alle notizie provenienti dai media Usa - di violare tramite hacker i sistemi di sicurezza delle centrali nucleari.

 

Allerta nelle centrali - Il governo britannico, scrive il quotidiano conservatore nella sua edizione domenicale, ha avvertito che "terroristi, spie straniere e hacker stanno cercando di individuare i punti deboli nelle difese internet delle centrali nucleari, per bucarne le difese elettroniche". Il sottosegretario all'Energia, Jesse Norman, ha confermato che gli impianti nucleari debbono dimostrare di "saper resistere ad attacchi adattandosi anche alle ciber-minacce in via di sviluppo".

 

L'avvertimento ha effetto immediato, scrive il Telegraph citando fonti dell'intelligence. E si aggiunge alle recenti misure restrittive imposte da Londra, sulle orme del bando deciso negli Usa dal presidente Donald Trump, per vietare l'imbarco di computer portatili e strumenti tecnologici sugli aerei in arrivo da diversi Paesi a maggioranza islamica. 

Leggi tutto