Eurocity deragliato a Lucerna, traffico resta interrotto

Le immagini dell'incidente presso la stazione di Lucerna, in Svizzera (Getty Images)
1' di lettura

Trenitalia ha inviato specialisti per far luce sull'incidente che ha causato l'uscita dai binari di un convoglio partito da Milano e diretto a Basilea. LA FOTOGALLERY  

Il traffico ferroviario resta interamente bloccato nella stazione di Lucerna (Svizzera), dopo il deragliamento dell'Eurocity 158 di Trenitalia avvenuto nel pomeriggio del 22 marzo. Nell'incidente, le cui cause restano da chiarire, sono rimaste lievemente ferite sette persone.

 

 

La prima ricostruzione dell'accaduto – Il treno italiano tipo Etr 610, partito da Milano Centrale e diretto a Basilea, nelle sue sette carrozze aveva a bordo 160 passeggeri. L'incidente si è verificato subito dopo la partenza dalla stazione di Lucerna alle 13,56, quando il quarto e quinto vagone del convoglio sono usciti dai binari degli scambi. Una delle due carrozze deragliate piegata su un fianco ha danneggiato un pilone causando un'interruzione della corrente della stazione. Immediato l'intervento di Vigili del fuoco, personale medico e Polizia. Prima di essere evacuati, i passeggeri hanno dovuto aspettare per oltre un'ora a bordo del treno, si legge in una nota di Trenitalia, anche per l'opportuna messa in sicurezza della vettura inclinata. Accertamenti medici ospedalieri sono stati necessari per cinque delle sette vittime, la cui nazionalità non è stata diffusa.

 

I disagi per la circolazione ferroviaria – Anche se “i danni subiti da rotaie, linea di contatto e il treno italiano non sono stati quantificati”, Trenitalia ha precisato che almeno fino alla mattina di giovedì il traffico ferroviario sarà sospeso nella stazione. Le Ferrovie federali svizzere (Ffs) hanno pertanto invitato i pendolari a evitare Lucerna, mentre alcuni bus sostitutivi sono stati messi in servizio per garantire la mobilità. La portavoce delle Ffs, Antonella Del Vecchio, ha precisato che “le conseguenze” dell'incidente “per il traffico sono rilevanti, e non solo per quello della rete regionale".



Indagini in corso – Il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza ha aperto un'indagine per chiarire le cause e la dinamica dell'accaduto; anche Trenitalia ha inviato i suoi specialisti, compresi quelli del costruttore del treno, per dare manforte ai periti svizzeri. Il più grave fra gli incidenti ferroviari avvenuti in Svizzera negli ultimi anni risale all'agosto del 2014: il bilancio del deragliamento del convoglio, avvenuto nel Canton Grigioni, fu di 11 feriti.



Data ultima modifica 23 marzo 2017 ore 10:43

Leggi tutto