Londra: l'attentatore è Khalid Masood, 52 anni, nato nel Kent

1' di lettura

Scotland Yard rivela il nome dell'uomo che ha messo a segno l'attacco terroristico rivendicato dall'Isis. Si tratta di un uomo conosciuto con diversi nomi fittizi che, secondo le forze dell'ordine, risiedeva nella contea di West Midlands

L’attentatore di Westminster, rivendicato dall'Isis, si chiamava Khalid Masood. Lo ha reso noto Scotland Yard. L'uomo aveva 52 anni. Masood, conosciuto sotto diversi altri nomi fittizi, era originario del Kent. Secondo la polizia risiedeva nella contea di West Midlands, che include la città di Birmingham, dove la notte di mercoledì 22 marzo sono state effettuate perquisizioni da parte delle forze dell'ordine.

 

 

“Era noto alla polizia” - "Masood – secondo quanto comunicato dalla polizia inglese - non era sottoposto ad alcun tipo di indagine e non aveva mostrato alcuna intenzione di compiere un attacco terroristico”. Noto alla polizia, l’attentatore di Westminster ha alle spalle una serie di precedenti condanne per aggressioni, tra cui lesioni personali gravi, possesso di armi e reati di ordine pubblico". Nessuna condanna per reati legati al terrorismo.

 

 

 

May: "Attentatore era figura marginale" - La premier britannica Theresa May, intervenuta alla Camera dei Comuni per riferire sull’attentato, aveva spiegato che l’attentatore era un cittadino britannico, conosciuto dai servizi segreti del Regno Unito. L’uomo risultava indagato per "estremismo violento" ma, per May, si tratterebbe comunque di “una figura marginale”. L'autore dell'attacco, prima di essere ucciso, ha accoltellato un poliziotto e ha provocato la morte di altre due passanti, tra cui un cittadino americano.

 


 

Leggi tutto