Londra, attacco a Westminster: almeno 4 morti e 40 feriti

1' di lettura

Un uomo a bordo di un Suv quattro ruote motrici, ha percorso a folle velocità il ponte che conduce verso il Parlamento e ha investito decine di persone. Un poliziotto è stato accoltellato con un colpo alla testa ed è morto in ospedale. May: "Atto disgustoso"

Almeno 4 morti e 40 feriti (tutti gli aggiornamenti in questo articolo). Questo il bilancio dell'attacco che le autorità britanniche hanno definito "terroristico", avvenuto nel primo pomeriggio a Westminster, nel cuore di Londra, a un anno esatto dagli attentati di Bruxelles. Tra le vittime c’è anche il killer, che è stato eliminato dagli agenti a protezione di Westminster Palace. Ecco quanto noto fino a ora.

 

 

L’attentato nel pomeriggio londinese - Un uomo a bordo di un Suv quattro ruote motrici, ha percorso a folle velocità il Westminster Bridge che conduce verso il Parlamento e ha investito decine di persone. Poi è sceso dall'auto e si è avventato contro gli agenti di sicurezza in servizio all'esterno della Camera dei Comuni. Un poliziotto è stato accoltellato con un colpo alla testa ed è morto in ospedale, dove era stato ricoverato. Oltre all'agente è morta una donna, investita sul ponte.

 


 

L’autore dell’attacco – Secondo i primi dettagli forniti da Scotland Yard, l’attentatore sarebbe un "predicatore d'odio", noto all'intelligence del Regno sin dal 2006. Mentre scattava l'allarme rosso e venivano chiusi gli ingressi del palazzo della politica, attorno a Westminster Palace si è scatenato il panico. Massima allerta anche a Buckingham Palace con la regina chiusa al suo interno. Off limits anche la vicina metropolitana e il London Eye: la ruota panoramica dall'altra parte del Tamigi, con la gente rimasta per quasi un'ora bloccata dentro le cabine. Decine le ambulanze accorse sul posto, mentre dal cielo le eliambulanze atterravano nel prato davanti a Westminster.

 

Il racconto di un testimone a Sky Tg24

 

“Un attacco terroristico” - Fin da subito si è pensato ad un attacco terroristico e la conferma è arrivata rapidamente, da Scotland Yard, che aveva già attivato le misure per mettere in sicurezza la premier Theresa May all'interno del Parlamento, proprio nel giorno del Question Time. "Le sue guardie del corpo l'hanno portata via in pochi minuti", ha raccontato il deputato conservatore Andrew Bridgen. Messo in salvo il capo di governo è stato ordinato il 'lockdown' per Westminster, nessuno poteva entrare e uscire, con i deputati e i Lord che hanno atteso con pazienza che rientrasse l'allerta.

 

Un’italiana ferita leggermente – I soccorsi, fuori da Westminster, sono andati avanti per ore. "Ho visto ferite terribili, catastrofiche", ha raccontato un giovane medico del St. Thomas Hospital, il più vicino al luogo dell'attacco. Una giovane bolognese, che vive a Londra da sei anni, è rimasta lievemente ferita nell'attentato. Lo conferma una sua familiare, docente all'università di Bologna. La giovane è stata medicata in ospedale, dopo aver riportato ferite superficiali ed escoriazioni alle gambe e ad un fianco. È rimasta schiacciata da altri ragazzi francesi, i quali, invece, hanno riportato ferite più gravi.

 

Trump: "Dagli Usa solidarietà"

 


 

 

I festeggiamenti dell’Isis - Sui propri network, sostenitori dell’Isis hanno celebrato l'attacco, parlando di "sangue al sangue" e di "vendetta" per i bombardamenti britannici su Mosul.

 

 

Data ultima modifica 22 marzo 2017 ore 22:30

Leggi tutto