Il video dell'aggressione all'aeroporto parigino di Orly

1' di lettura

Nel filmato girato dalle telecamere di sorveglianza dello scalo si vede l'assalitore mentre immobilizza la soldatessa e viene poi ucciso da un altro militare

L’aggressione di sabato all'aeroporto parigino di Orly in un video girato dalle telecamere di sorveglianza dello scalo e diffuso dalla Associated Press. Nelle immagini si vede l'assalitore, Ziyed Ben Belgacem, vestito di chiaro, gettare a terra lo zaino ccon dentro una tanica di benzina e aggredire alle spalle la soldatessa di ronda insieme ad altri due colleghi al terminal sud. L'uomo la stringe per il collo, facendola indietreggiare. Per lunghi secondi, nelle immagini in bianco e nero riprese dall'alto, nessuno reagisce. Un collega militare dell'operazione Sentinelle continua a avanzare tranquillo, sembra non accorgersi di nulla.

 

Nei fotogrammi successivi la soldatessa continua a dibattersi mentre l’uomo la immobilizza e la minaccia alla tempia con la pistola a pallini. In fondo alla Hall 1 dell'aeroporto una folla di passeggeri comincia a fuggire. Poi, come ricostruito anche dal procuratore di Parigi, Francois Molins, Ben Belgacem, riesce infine a mettere in ginocchio la soldatessa, strappandole il mitra di servizio Famas, che però non fa a tempo ad usare. Nel video si vedono gli altri due militari puntare il fucile contro di lui. A carponi, la soldatessa riesce ad allontanarsi dall'obiettivo, i colleghi aprono il fuoco, l'aggressore cade a terra, ucciso. Secondo l'autopsia, l'aggressore che ha gridato 'Moriro' per Allah' era imbottito di alcol e droga. Pregiudicato per reati comuni, si sarebbe radicalizzato in carcere.

Leggi tutto