Trump valuta separazione madre-figli che superano confine illegalmente

1' di lettura

La norma al vaglio dell'amministrazione americana ha come obiettivo quello di scoraggiare l'arrivo di irregolari con le proprie famiglie. Nuovo attacco a Obama: "Mise sotto intercettazione i miei telefoni"

 "Ho appena scoperto che Obama mise sotto intercettazione i telefoni della Trump Tower poco prima della vittoria. Nulla è stato trovato, questo è maccartismo". Così Donald Trump, su Twitter, torna ad attaccare il suo predecessore. "E' legale per un presidente monitorare una elezione presidenziale?", aggiunge Trump. "Un avvocato potrebbe fare una grande causa, visto che Obama intercettava i
miei telefoni lo scorso ottobre".

 

 

 

 


La proposta sui migranti iregolari -  L'attacco di Trump segue l'indiscrezione relativa alla proposta che l'amministrazione sta valutando e che prevede di separare donne e bambini che insieme attraversano illegalmente il confine sud degli Stati Uniti.

Il provvedimento è al vaglio del Dipartimento alla sicurezza nazionale e ha come obiettivo quello di scoraggiare l'immigrazione irregolare e l'arrivo di madri con i propri figli. Lo riportano diversi media, citando fonti della Homeland Security.

La decisione, se presa, sarebbe la fine di quella pratica del "catch and release" (arresta e rilascia) che piùvolte Trump ha denunciato. Secondo quanto riporta la Reuters, la svolta permetterebbe al governo di tenere dietro le sbarre i genitori che entrano illegalmente negli Usa fino a che non sapranno se verranno rimpatriati o se potranno essere ascoltati per la richiesta di asilo. I figli verrebbero anch'essi trattenuti e affidati ai servizi sociali del ministero della Sanità in attesa di essere presi in custodia da un parente che vive negli Stati Uniti o di un tutore statale.


Attualmente le famiglie di immigrati irregolari in attesa di conoscere il loro destino vengono rilasciate in tempi brevi e viene permesso loro di rimanere unite sul suolo statunitense fino a che il loro caso non viene risolto. 

Leggi tutto