Usa, guarda nazionale contro clandestini. Ma la Casa Bianca smentisce

1' di lettura

Secondo un’indiscrezione dell’Associated Press il presidente americano avrebbe voluto mobilitare 100mila unità in 11 Stati. Ma il suo portavoce smentisce con un messaggio su Twitter

Prima l’indiscrezione, poi la smentita. Dopo il muslim ban e le centinaia di arresti di persone senza documenti, l’Associated Press aveva lasciato trapelare la notizia che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump stesse considerando di mobilitare fino a 100mila unità della guardia nazionale nella stretta contro gli immigrati irregolari. Ma la Casa Bianca smentisce: “100% falso”. Intanto è ancora vacante il posto di consigliere per la Sicurezza nazionale in sostituzione di Flynn. Il viceammiraglio Harward infatti avrebbe declinato l'offerta.

 

Ap: “Mobilitazione in 11 Stati” - L’agenzia di stampa aveva fatto sapere che la proposta era contenuta nella bozza di un documento e prevedeva la messa sul territorio della guardia nazionale in 11 Stati. Una mobilitazione che sarebbe diventata una mossa senza precedenti e che avrebbe toccato anche territori lontani dalla frontiera con il Messico, fino agli Stati settentrionali di Portland e Oregon e orientali come New Orleans e Louisiana.

 

La smentita - Il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer ha però smentito che l'amministrazione Trump abbia intenzione di mobilitare la guardia nazionale nella stretta contro gli immigrati irregolari: "Non è vero. 100% falso", ha scritto sul suo profilo Twitter.

 

Leggi tutto