Usa, diga Oroville: dopo l’allarme i residenti tornano a casa

1' di lettura

Revocato l'ordine di evacuazione per i circa 180mila abitanti della zona a nord di Sacramento. Lo sceriffo: evitato il pericolo di un collasso del  canale di scarico di emergenza

Le autorità della California hanno revocato l'ordine di evacuazione per i circa 180mila residenti della  zona intorno alla Diga di Oroville, a nord di Sacramento, la più alta degli Stati Uniti. La decisione fa seguito ad un abbassamento del livello delle acque del lago Oroville e ad una conseguente riduzione del rischio inondazioni (FOTO).

 

Scende l’allarme - Secondo lo sceriffo  della contea di Butte, Kori Honea, il pericolo di un collasso del  canale di scarico di emergenza - all'origine dell'allarme lanciato domenica - è stato evitato.

 

 

I residenti possono tornare a casa - I residenti e la gente che lavora nella  zona possono quindi rientrare, ha aggiunto Honea, avvertendo però  della necessità per la popolazione di tenersi costantemente informata sull'evoluzione della situazione - sulla regione sono attese nuove  precipitazioni - e pronta ad una nuova evacuazione qualora ve ne fosse la necessità (FOTO).

Leggi tutto