Guerriglia urbana nella banlieue di Parigi, 25 fermi

Un'immagine dei disordini scoppiati nelle ultime notti nelle banlieue parigine (Archivio LaPresse)
1' di lettura

Le violenze proseguono da giorni in reazione al brutale pestaggio del giovane Théo da parte della polizia

Le banlieue di Parigi hanno vissuto un'altra notte di tensione. Sono almeno 25 le persone fermate in seguito agli ultimi episodi di guerriglia urbana che si sono verificati in diverse zone della periferia. Secondo il bilancio della polizia almeno 12 persone sono state fermate nel dipartimento di Seine-Saint-Denis per lancio di oggetti e ordigni incendiari. Altre 11 sono state fermate nel dipartimento vicino della Val d'Oise e due nelle Yvelines, a sud-ovest di Parigi. Momenti di tensione si sono registrati in altre zone ma senza fermi. 

 

Reazione dopo il pestaggio di Théo - Non sembra dunque destinata a placarsi l'ondata di rabbia scatenatasi dopo la diffusione delle immagini del brutale pestaggio del giovane Théo, che secondo le accuse sarebbe stato picchiato e stuprato da 4 poliziotti durante un controllo di routine. Nella sola notte tra il 12 e il 13 febbraio si sono infatti contati più di 50 incidenti in una trentina di comuni della regione parigina.  E ora il governo francese teme l'effetto contagio.

 

Inviti alla calma da parte del ministro - "Sarò inflessibile con la polizia e i gendarmi che non fanno bene il proprio lavoro ma sarò implacabile con chi spacca le nostre strade e i nostri quartieri” sono state le parole del ministro dell'Interno, Bruno Le Roux. 

Leggi tutto