Grida "Allah Akbar" e assalta militari al Louvre, ferito grave

1' di lettura

L'uomo armato di due machete che ha attaccato gli uomini delle forze dell'ordine sarebbe un 29enne egiziano da poco arrivato a Parigi. L'ultimo messaggio: Battaglia implacabile". Ora è in condizioni critiche. Hollande: "Atto terroristico". Trump su Twitter: "Francia nel mirino, America fatti furba". FOTO - VIDEO

Sarebbe un egiziano incensurato, arrivato soltanto a fine gennaio in Francia,  l'uomo che questa mattina ha aggredito alcuni militari fuori dal museo del Louvre. Abdullah Reda Refaei Al-Hamamy, questo il suo nome secondo fonti dei servizi egiziani, 29 anni, era arrivato in Francia con un volo da Dubai, atterrato all'aeroporto di Roissy Charles de Gaulle lo scorso 26 gennaio. Incensurato, aveva ottenuto un visto per la Francia e sarebbe dovuto ripartire domenica prossima, 5 febbraio. A renderlo noto fonti degli inquirenti che hanno tratto le informazioni da un telefono cellulare che l'uomo aveva con sé.


Gridava Allah Akbar -  Erano le 9.50 quando l'uomo, armato di due machete e con due valigie, al grido di "Allah Akbar" avrebbe tentato di entrare nel corridoio delle boutique del Carrousel du Louvre che conduce direttamente al museo (FOTO) Fermato dagli agenti – per motivi di sicurezza è vietato entrare con zaini o bagagli – l’uomo ha aggredito i militari di pattuglia, 4 in tutto, e ne ha feriti due. E’ stato poi neutralizzato con almeno 5 colpi di pistola; colpito all'addome ora è ricoverato in gravi condizioni.

 

La ricostruzione del Procuratore - Era un individuo "molto determinato", che si è scagliato contro la pattuglia di militari "impugnando i due machete dietro la testa" e gridando Allah Akbar. Lo ha detto il procuratore Francois Molins in una conferenza stampa. "Indossava una t-shirt nera con il disegno di un teschio" ed è crollato a terra "soltanto dopo il terzo o quarto sparo al basso addome" da parte di uno dei militari. Aveva acquistato "i due machete in un'armeria vicino alla Bastiglia il 28 gennaio, pagandoli in contanti, 680 euro" ha aggiunto Francois Molins, precisando che nel residence dell'uomo "e' stata ritrovata la fattura".
Intanto si apprende che nei numerosi messaggi ritrovati sui suoi account, l'ultimo - secondo la tv BFM - risalente alle 5:34 di venerdì 3 febbraio, recita: "la battaglia sara' implacabile".
 

 

Nel video la ricostruzione del capo di polizia

 



Hollande e Cazeneuve: "attacco terroristico" - Non c'è alcun dubbio che si tratti di un atto terroristico, hanno dichiarato all'unisono il presidente Francois Hollande e il primo ministro Bernard Cazeneuve. Il premier francese ha lodato "il sangue freddo" dei militari intervenuti, esprimendo la sua "gratitudine" e "riconoscenza" alle forze di sicurezza. Hollande dal canto suo - intervenendo dal summit informale dell'Ue a Malta - ha sottolineato "l'efficacia dell'operazione Sentinelle che protegge i nostri connazionali".

Dopo l'attacco al Louvre è stata fermata anche una seconda persona sospetta. Al momento, spiega però il portavoce del ministero dell'Interno Pierre-Henry Brandet, non è stato stabilito un legame tra il fermato e il responsabile dell’aggressione la cui identità non è stata resa nota.

 

La foto - Una giornalista de le Figaro, pubblica su Twitter la foto di un gruppo di turisti cinesi che ritrae il momento in cui l'aggressore viene colpito dagli agenti.


Trump: America fatti furba - Chi non ha dubbi sull'identità dell'uomo che ha seminato il panico a Parigi è il presidente Usa, Donal Trump, che su Twitter invita i connazionali ad aprire gli occhi: "Un nuovo terrorista islamico radicale ha appena attaccato al Museo del Louvre di Parigi", scrive. E ancora: "La Francia ha di nuovo i nervi a fior di pelle. Stati Uniti datevi una svegliata". 

 

 

Zona del Louvre isolata - Immediato, dopo l'allarme al museo, è scattato il piano Sentinelle, in vigore dall'instaurazione dello stato d'emergenza successivo agli attentati del 13 novembre. La zona attorno al Louvre è stata isolata e la metropolitana chiusa. Dopo circa 2 ore, invece, sono stati fatti evacuare i circa 250 turisti presenti sul luogo e che erano stati messi in sicurezza in aree protette all'interno del complesso museale. 

 

Le foto dell'evacuazione del Louvre:

 

 

Gridava Allah Akbar - Fermato dagli agenti – per motivi di sicurezza è vietato entrare con zaini o valigie – l’uomo ha aggredito i militari di pattuglia, 4 in tutto, e ne ha feriti due. E’ stato poi neutralizzato con almeno 5 colpi di pistola; colpito all'addome ora è ricoverato in gravi condizioni.

Data ultima modifica 03 febbraio 2017 ore 15:28

Leggi tutto