Sparatoria in Messico, media: “Possibile vendetta dei narcos”

La polizia messicana dopo la strage (Getty)
1' di lettura

La strage davanti alla discoteca Blue Parrot di Playa del Carmen ha causato la morte di 5 persone, tra cui un italiano. La stampa locale ha ipotizzato una rappresaglia dei trafficanti di droga, ai quali sarebbe stato vietato l'accesso e lo spaccio nel locale

Potrebbe esserci la mano dei narcos dietro la strage di Playa del Carmen, che è costata la vita a 5 persone tra cui un italiano. La stampa messicana, riporta l'Ansa, ha ipotizzato che la sparatoria al Blue Parrot possa essere una rappresaglia dei trafficanti di droga, ai quali sarebbe stato vietato l'accesso (e lo spaccio) nel locale. 

 

Pista narcos o lite nel locale - Tra le cinque vittime almeno tre sono canadesi e facevano parte del servizio di sicurezza del locale. Questo dimostrerebbe, secondo il comandante della polizia locale, che c'è stato un problema all'ingresso della discoteca che aveva messo in allerta i buttafuori.

 

Le autorità messicane hanno per ora escluso l’attacco terroristico e hanno invece ipotizzato che una discussione all'interno della discoteca, forse un cliente che non voleva pagare il conto, possa essere stata la causa della strage. (LE FOTO)

 

La ricostruzione - I dettagli dell'attacco non sono ancora stati ricostruiti con chiarezza. Intorno alle 3 del mattino un uomo ha aperto il fuoco davanti a uno dei locali dove si stava tenendo la kermesse di chiusura del BPM Festival, appuntamento molto noto per gli amanti di musica elettronica. Gli spari hanno scatenato il panico dentro alla discoteca. I clienti hanno cercato di fuggire attraverso l'uscita di servizio o di proteggersi nascondendosi sotto i mobili. 

 

Killer in fuga - Il caos che si è scatenato per le strade della località turistica potrebbe aver aiutato il killer a fuggire: si è dileguato fra la folla senza che nessuno lo abbia identificato. La polizia locale ha fatto sapere di aver fermato quattro persone, mentre si stanno esaminando le registrazioni delle telecamere di sicurezza.

 

Chi era la vittima italiana - Daniel Pessina, l’italiano che ha perso la vita nella strage, era uno chef con la passione per la musica techno. Originario di Milano, aveva lasciato l’Italia da anni per aprire un ristorante in Messico insieme alla moglie. Si trovava a Playa del Carmen per partecipare al BPM Festival. Nel corso della sparatoria un proiettile l’ha raggiunto all’addome uccidendolo.

Leggi tutto