Apprensione per italiana dispersa a Berlino. Il padre: "Non mi illudo"

1' di lettura

Si tratta di Fabrizia Di Lorenzo, 31enne di Sulmona. Il ministro degli Esteri Alfano: "Non possiamo escludere l'ipotesi che ci sia una vittima". Altri due connazionali sarebbero rimasti feriti, ma in modo lieve

Potrebbe esserci anche una vittima italiana nella strage al mercatino natalizio di Berlino. Si tratta di Fabrizia Di Lorenzo, di cui non si hanno notizie dalla sera di lunedì. In queste ore l’ambasciata italiana insieme alle autorità tedesche sta lavorando per cercare di ottenere maggiori informazioni sulla connazionale di cui si sono perse le tracce. Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha detto che “ci sono accertamenti ancora in corso. Abbiamo indicazioni che ci portano a non escludere in questo momento l'ipotesi che ci possa essere una vittima italiana". Intanto la procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla scomparsa.

Familiari dispersa a Berlino - L’italiana dispersa è Fabrizia Di Lorenzo, una ragazza di 31 anni originaria di Sulmona: nelle ultime ore sui social network era partito il tam tam di familiari e amici per cercare di avere sue notizie. La famiglia sarebbe poi stata contattata dalla Farnesina e la madre e il fratello sarebbero partiti immediatamente per Berlino. 

Il padre: "Non mi illudo, stanotte avevamo già capito"
- "Abbiamo capito che era finita stanotte all'una e mezza: siamo stati noi a chiamare la Farnesina, ma l'aiuto più  grande ce lo hanno dato i carabinieri di Sulmona". Sono le parole del padre di Fabrizia, Gaetano Di Lorenzo, contattato dall'Ansa. "Ci siamo mossi coi nostri canali, ma da quanto mi dice mio figlio da Berlino, non dovrebbero esserci più dubbi. E' lì con mia moglie in attesa del dna, aspettiamo conferme, ma non mi illudo". 

Altri due italiani feriti lievi - Altri due italiani sarebbero rimasti lievemente feriti. Uno dei due verrà sentito dagli inquirenti. Sull'altro sono in corso verifiche in tutti gli ospedali della città.
 

Data ultima modifica 20 dicembre 2016 ore 21:59

Leggi tutto