Il più grande mercato coreano vieta la macellazione di carne di cane

Entro maggio 2017 nel mercato di Moran a Seongnam sarà vietata la macellazione di carne di cane (Getty Images)
1' di lettura

Il provvedimento è stato preso dall’amministrazione della città di Seongnam in collaborazione con l'associazione dei venditori. I 22 macellai del mercato di Moran riceveranno finanziamenti pubblici per convertire l’attività 

All’interno del più grande mercato di carne di cane della Corea del Sud, il Moran di Seongnam, a breve sarà vietata la macellazione a scopo alimentare del “migliore amico dell’uomo”. La decisione è stata presa dall’amministrazione cittadina in collaborazione con l'associazione dei venditori ed è stata accolta con grande soddisfazione dagli attivisti e dalle associazioni di tutto il mondo che da decenni si battono contro questa pratica. L’accordo prevede che l’attività cessi del tutto entro maggio 2017, per questa ragione i venditori inizieranno già nei prossimi giorni a rimuovere le strutture di macellazione e le gabbie dove i cani vengono richiusi prima di essere uccisi.

 

Finanziamenti pubblici per convertire l’attività – Il mercato di Moran è stato aperto nel 1960 e vanta una lunga storia. Al suo interno si può trovare di tutto, dagli oggetti di antiquariato, agli animali. In media, ogni anno, sono stati venduti vivi o morti circa 80 mila cani, e dalle sue macellerie proviene un terzo dell’intero consumo nazionale di questa carne. Per agevolare il provvedimento l’amministrazione ha previsto di stanziare delle sovvenzioni pubbliche per aiutare i 22 macellai che attualmente ci lavorano a passare ad altre attività. L'accordo si inserisce in un progetto più ampio della città per riqualificare il mercato: "Questa iniziativa va nella direzione della risoluzione dei problemi legati al consumo di carne di cane – ha dichiarato in una conferenza stampa il sindaco di Seongnam, Lee Jae-Myung, -  in questo modo speriamo di sradicare l'immagine negativa che circonda il mercato di Moran”. Per concludere il suo intervento il primo cittadino ha voluto citare una celebre frase di Gandhi: “La grandezza di una nazione si può giudicare dal modo in cui vengono trattati i suoi animali”.

 

La soddisfazione di attivisti e associazioni – La notizia in poche ore ha fatto il giro del mondo e ha suscitato numerose reazioni positive. Anche il presidente dell'Ente nazionale protezione animali (Enpa), Carla Rocchi, ha voluto commentare il provvedimento scrivendo direttamente al sindaco di Seongnam. "Il movimento animalista internazionale - ha dichiarato Rocchi - ha ottenuto una vittoria importantissima, una di quelle che possono preludere a grandi cambiamenti, ma la guerra non è ancora vinta. Molto resta ancora da fare, nella stessa Corea, a partire dalla concreta applicazione del bando. Confidiamo comunque in un effetto domino, in un contagio virtuoso al resto dell'Asia: anche il famigerato Festival di Yulin potrebbe avere le ore contate". Solo nell’edizione del 2016 nella tristemente famosa manifestazione cinese sono stati uccisi circa 10 mila cani

Leggi tutto
Prossimo articolo