Rogo a Oakland, sale a 33 il bilancio delle vittime

1' di lettura

Lo affermano le autorità locali, chiarendo che per ora il 60% del magazzino è inaccessibile. La causa dell'incendio non è stata ancora chiarita

E' salito a 33 vittime accertate il tragico bilancio dell'incendio scoppiato durante un concerto a Oakland, in California. I vigili del fuoco devono ancora controllare il 60% del magazzino distrutto dalle fiamme. La causa del rogo - aggiungono le autorità - non è stata ancora chiarita.

 

Bilancio ancora provvisorio - L'incendio è scoppiato nella notte tra venerdì e sabato a Oakland, in California, durante un concerto di musica elettronica in un magazzino dismesso. Secondo le autorità, ancora alle prese con i soccorsi, il bilancio potrebbe aggravarsi ulteriormente, visto che gran parte dell’edificio di due piani risulta ancora inaccessibile.

 

Senza vie di fuga - Al momento dello scoppio dell’incendio, all’interno del locale erano presenti circa cento persone, in gran parte giovani tra i 20 e i 30 anni. Molte vittime sono state rinvenute al piano superiore, dove il tetto è collassato rendendo praticamente impossibile qualsiasi tentativo di fuga. Anche perché la scala di collegamento con il piano terra era poco più che una scaletta di fortuna.

 

Una comunità di giovani artisti - Sono molte le domande ancora senza risposta. Innanzitutto le cause del rogo, molto probabilmente alimentato dai materiali presenti all’interno: strutture di legno, letti, scrivanie, statue, manichini e altre creazioni artistiche. Gli spazi erano infatti utilizzati da una comunità informale di giovani artisti. Secondo alcuni testimoni all’interno del magazzino dismesso vivevano in condizioni precarie almeno venti persone.

 

La mancanza di permessi - La struttura era accatastata come magazzino, non a uso abitativo. Inoltre, per il concerto dell’altra sera non era stato chiesto alcun permesso. E i  proprietari, che di recente avevano ricevuto varie multe per scorretto smaltimento di rifiuti pericolosi, dovranno rispondere anche della mancanza di sprinkler antincendio.

 

 

Data ultima modifica 04 dicembre 2016 ore 21:34

Leggi tutto