Siria, esercito di Assad conquista quartiere cruciale di Aleppo Est

Un carro armato delle forze lealiste in Siria (Getty Images)
1' di lettura

La notizia data dai media di Stato, ma non confermata dai ribelli, riguarda la zona di Al-Sakhur. L'Osservatorio siriano per i diritti umani: “L'opposizione rischia di essere schiacciata”. Per il "centro di riconciliazione" che fa capo a Mosca il 40% della parte orientale della città sarebbe in mano ai lealisti

L'esercito siriano e suoi alleati hanno cacciato i ribelli da una zona di importanza strategica di Aleppo est. Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani si tratta di un'accelerazione che rischia di schiacciare l'opposizione nella seconda città della Siria: la parte occidentale è già da tempo in mano ad Assad, una porzione di quella settentrionale è controllata dai Curdi e solo quella orientale - e per di più completamente circondata dalle forze lealiste - è in mano all'opposizione.

La notizia riportata dalla Tv di Stato ma negata dai ribelli – È stata la Tv di Stato siriana, citando una fonte militare, a riportare la notizia: le forze lealiste avrebbero conquistato il quartiere di al-Sakhur, da tempo in mano ai ribelli, e ora avrebbero il controllo di gran parte della sezione settentrionale dell'area. Un funzionario delle forze di opposizione nega però che il quartiere orientale di Aleppo sia caduto nelle mani dell'esercito, e un'altra fonte dei ribelli parla di “situazione poco chiara”.

Situazione confusa – Impossibile verificare le notizie sul terreno. L'agenzia governativa Sana sostiene che le forze di Damasco siano riuscite a tagliare in due la parte orientale della città, e che sarebbero già al lavoro per disattivare le mine; mentre l'Osservatorio siriano dice che i ribelli hanno perso il controllo di circa un terzo della zona. Ma l'Aleppo Media center, piattaforma di giornalisti vicina all'opposizione, afferma che sono ancora in corso combattimenti dentro e fuori al-Sakhur.

Civili in fuga – Quel che è certo è che sono migliaia i civili in fuga dall'area, da mesi sotto attacco da parte dell'esercito siriano sostenuto dalla forza aerea russa. La situazione è resa ancora più drammatica dal fatto che tutti gli ospedali sono stati distrutti e dalla massiccia presenza di minori: 100mila, secondo l'Unicef, quelli che vivono sotto assedio nella sola Aleppo orientale, su un totale di 500mila in tutto il paese.

Una vittoria per Assad – Secondo quanto riporta la Reuters, un'altra fonte militare anonima afferma che “nelle prossime ore, sarà preso anche il resto del settore settentrionale” di Aleppo est. Se ciò accadesse, e le notizie di queste ore trovassero ulteriori conferme, si tratterebbe della più grande vittoria di Bashar al-Assad dall'inizio della rivolta siriana nel 2011: la parte orientale di Aleppo rappresenta infatti la più importante città in mano ai ribelli.

Leggi tutto