Nicaragua, terremoto e uragano nello stesso giorno

Difficoltà a causa delle due calamità naturali (Getty Images)
1' di lettura

Un sisma di grado 7 ha colpito la zona pacifica del Paese contemporaneamente all’arrivo del ciclone Otto

Il governo del Nicaragua ha decretato lo stato di emergenza nazionale dopo che il Paese è stato colpito quasi in contemporanea da un terremoto e da un uragano.

 

Terremoto e allerta tsunami - Il sisma di magnitudo 7 della scala Richter è stato registrato alle 12.45 di giovedì (in Italia erano quasi le 20) con epicentro a circa 150 chilometri dal porto di El Triunfo, El Salvador. Le scosse si sono propagate anche in Nicaragua, dove le autorità hanno dichiarato immediatamente lo stato di emergenza nazionale.

 

Nessuna vittima per il sisma - In un primo momento era stata anche diramata l'allerta tsunami per la costa pacifica nei pressi del Golfo de Fonseca, poi reintrata senza aver provocato danni. Anche il sisma, nonostante la forte magnitudo, non ha fatto registrare vittime. Stesso scenario anche in Salvador, dove "tutti i meccanismi di protezione sono stati attivati e sono iniziate le evacuazioni”, ha riferito il ministro per le emergenze Aristides Valencia.

 

L’uragano Otto - Contemporaneamente, il Nicaragua è alle prese con l’arrivo di Otto, un ciclone tropicale che sta interessando anche la Costa Rica. L’uragano di categoria 2, in arrivo dal Mar dei Caraibi (dalla parte opposta rispetto al terremoto), ha toccato terra con venti oltre 170 chilometri orari e forti piogge, prima di essere declassato a tempesta tropicale. Per il momento non si contano vittime in Nicaragua e i danni si limitano a case scoperchiate, alberi caduti nelle strade e tralicci elettrici abbattuti.

 

Vittime in Costa Rica - In Costa Rica, invece, il presidente Luis Guillermo Solís ha confermato che ci sono stati dei morti, senza specificare il numero. Secondo fonti locali, almeno sei persone risultano disperse nel nord del Paese, probabilmente inghiottite da fiumi in piena o travolte dagli alberi caduti. Nicaragua e Costa Rica avevano predisposto piani di emergenza ed evacuato migliaia di persone sulle coste orientali, dopo che l’uragano aveva colpito in maniera violenta Panama nei giorni scorsi.

 

Leggi tutto