Siria, il dramma di Aleppo: tutti gli ospedali sono fuori uso

1' di lettura

La denuncia dell'Oms: dopo cinque giorni di pesanti raid, non ci sono più strutture sanitarie attive. Medici senza Frontiere: è la peggior campagna di bombardamenti degli ultimi anni

I bombardamenti del governo siriano su Aleppo est hanno messo fuori uso tutti gli ospedali da campo e le cliniche mobili della zona assediata dalle forze lealiste. E' l'allarme lanciato l’Organizzazione Mondiale della Sanità, citata dalla BBC.

 

Medici Senza Frontiere: il sistema sanitario è in ginocchio – Anche Medici Senza Frontiere ha denunciato la situazione degli ospedali ad Aleppo: secondo l’ong l’unico istituto pediatrico della città è stato devastato dai bombardamenti e risulterebbe inagibile. Anche altri tre nosocomi sono stati colpiti dalle bombe: ci sarebbero feriti tra lo staff e i pazienti.

 

 

MSF: “Giornata nera per Aleppo Est” – “È una giornata nera per Aleppo est. Gli attacchi hanno distrutto interi ospedali, generatori elettrici, pronto soccorso e  reparti, costringendoli a interrompere tutte le attività mediche – ha detto Teresa Sancristoval, coordinatrice dell’emergenza per Medici Senza Frontiere - Non è solo Msf a condannare gli attacchi indiscriminati contro i civili o  le infrastrutture civili come gli ospedali, li condanna il diritto  umanitario. Il messaggio è semplice e non so come dirlo più forte: smettete di bombardare gli ospedali". E aggiunge: "Siamo davanti alla peggior campagna di bombardamenti degli ultimi anni".

 

Ondus: più di 150 morti in 5 giorni – E le bombe che cadono sulla città continuano a uccidere: secondo l’Ondus, l’Osservatorio nazionale per I diritti umani in Siria, i raid odierni avrebbero causato la morte di 27 civili. Negli ultimi cinque giorni i bombardamenti governativi avrebbero provocato in totale oltre 150 vittime. L’agenzia siriana Sana, controllata dal governo, parla invece di 2 morti e 11 feriti tra Aleppo Ovest e Damasco, non menzionando raid aerei su Aleppo est.

Leggi tutto