Usa, Donald Trump diventa un cartone animato con Vladimir Putin

1' di lettura

Il nuovo presidente americano e quello russo, in versione virtuale, "mostrano" la loro profonda intesa in uno show televisivo statunitense

Dopo i Simpson, il Late Show: il cartone animato di Donald Trump è stato ospite di Stephen Colbert nell’ultima puntata del popolare programma dell’emittente statunitense Cbs. Insieme a lui c’era anche la versione animata di Vladimir Putin, in uno sketch che ha pesantemente ironizzato sullo stretto legame fra i due.

 

Figure molto diverse - Nella versione integrale del video il cartone animato di Trump si presenta al pubblico ringraziando New York (sede del programma), per averlo votato nella corsa alla Casa Bianca. Informato da Colbert che solo il 10% di Manhattan ha scelto lui, Trump risponde che alzerà gli affitti nella città. Con i capelli giallo brillante e il viso di un arancione acceso, la figura di Trump ha un colorito decisamente diverso da quella di un Vladimir Putin dal volto terreo, che appare poco dopo al fianco del presidente eletto.

 

I suggerimenti di Putin - Durante lo sketch è Putin a suggerire a Trump ciò che deve dire e la sua presenza è così influente che al presidente Usa scappano parole russe come “niet”. Quando Putin prende la parola in prima persona manda una minaccia velata a chi lo ha accusato di aver manovrato le elezioni americane (“Ditemi i nomi di chi ha scritto queste cose, risolverò la questione”) e fa la figura dello scaltro stratega accanto a un Donald Trump che appare ingenuo e succube della sua personalità. Tanto che ad un certo punto un Putin a torso nudo particolarmente muscoloso ipnotizza Trump, che ripete tutte le sue parole.

 

Il bacio - L’ironia del programma si basa su un reale scambio di complimenti fra Trump e Putin (il nuovo presidente Usa ha elogiato in più occasioni il leader russo) e sulla presunta influenza che il capo del Cremlino avrà sul suo omologo statunitense. Per introdurre lo sketch, Stephen Colbert dice infatti che ora Putin ha il controllo su due Paesi e che gli americani devono accettare il risultato del voto e quindi lasciare che sia lui il presidente. Ancora più emblematico, poi, è il finale del dialogo tra i due leader animati: Putin finisce una frase che Trump aveva iniziato e fra i due cartoon scatta un bacio scomposto sulle poltrone del Late Show.

Leggi tutto