Usa 2016, Ap: “Melania Trump lavorò senza regolare permesso”

Melania Trump con il marito Donald al primo dibattito presidenziale all'Hofstra University, New York (ANSA)
1' di lettura

Una nuova tegola si abbatte sulla corsa di Donald Trump alla Casa Bianca: secondo l’Associated Press la coniuge del tycoon avrebbe guadagnato 20.056 dollari, sfilando dieci volte, senza essere in possesso di documenti regolari. LO SPECIALE USA 2016

Dieci sfilate, 20mila dollari di compenso e un permesso di lavoro che non c’è. Ruota intorno a questi numeri il nuovo scandalo che si è abbattuto sulla campagna presidenziale di Donald Trump: secondo l’Associated Press, infatti, la moglie Melania avrebbe lavorato negli Stati Uniti senza essere in possesso di regolare documentazione.

 

La ricostruzione di Ap - L’aspirante first lady, secondo quanto ricostruito da Ap, sarebbe arrivata negli Stati Uniti nell'agosto del 1996 e ricevette il permesso di lavoro sette settimane più tardi. Melania, però, avrebbe sfilato dieci volte, ottenendo un compenso totale di 20.056 dollari, tra il 10 settembre e il 15ottobre, prima di quando fosse legalmente possibile pagarla.

 

Colpo alla campagna di Trump - Se la ricostruzione dell’Associated Press fosse confermata, sarebbe un colpo gravissimo alla campagna di Donald Trump a 3 giorni dal voto. Il tycoon, infatti, ha più volte proposto di ampliare l’accesso dei datori di lavoro a E-Verify, la piattaforma che permette di controllare lo stato dei permessi della manodopera straniera.

Leggi tutto