Usa 2016, i 150 profili Twitter più influenti: vince Donald Trump

1' di lettura

Il Laboratory for Social Machines del Massachusets Institute of Technology ha individuato le personalità che guidano il dibattito sulle elezioni presidenziali. Ci sono anche Cher, il Papa e Ronald Reagan. GUARDA L'INFOGRAFICA

Secondo una ricerca del Pew Research Center, che ha analizzato gli ultimi cinque cicli presidenziali degli Usa, nella campagna elettorale tra Hillary Clinton e Donald Trump il mezzo d’informazione preferito dai cittadini americani sono i social network: un adulto su quattro ha visitato almeno una volta le pagine Facebook o Twitter dei candidati per saperne di più. Sul tema è intervenuto anche il Laboratory for Social Machines del Massachusets Institute of Technology che ha identificato, tramite un algoritmo, i 150 profili Twitter che più stanno influenzando le elezioni per la Casa Bianca: sul gradino più alto c’è Donald Trump (Guarda l'infografica).

 

La top ten - Nella classifica del Mit le prime dieci posizioni sono occupate da politici statunitensi. In testa il candidato repubblicano Donald Trump, seguito sul podio dalla sfidante Hillary Clinton e da Bernie Sanders. Al quarto posto c’è Jeb Bush, figlio del 41esimo presidente degli Stati Uniti George W. Bush; poi i repubblicani Ted Cruz, Ben Carson e Marco Rubio, l’attuale presidente Barack Obama, il senatore del Kentucky Rand Paul e Carly Fiorina, unica candidata donna alle primarie repubblicane.

 

Giornalisti, celebrità e famiglie - Tra i nomi della lista di influencer non potevano mancare politici come Bill Clinton (13esimo), Joe Biden (15esimo), Mitt Romney (25esimo), George W. Bush (31esimo) e John Kerry (78esimo). Ma anche sostenitori e familiari tra cui Daniel Scavino Jr, social media director di Trump (18esimo), Ivanka Trump (85esima) e Chelsea Clinton (150esima). Determinante il ruolo di media e giornalisti con Fox News in 12esima posizione, la Cnn (19esima), The New York Times (36esimo), il Washington Post (43esimo) e il Daily Show (68esimo). La giornalista più influente è Megyn Kelly (28esima), moderatrice del primo dibattito repubblicano per le primarie 2016 e celebre per aver discusso con Trump riguardo alcune sue frasi sulle donne, mentre tra le celebrità spiccano Cher (101esima) e Michael Moore (130esimo).

 

Reagan, Putin e il Papa - Tra le personalità che più influenzano la campagna elettorale ce ne sono alcune che non partecipano direttamente al dibattito ma che sono parte fondamentale delle discussioni: il presidente russo Vladimir Putin (41esimo), Papa Francesco (62esimo) e il defunto ex presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan (49esimo). Ma compaiono anche attivisti politici e gruppi che fanno satira e parodie come Lolgop (39esimo), WH Press Secretary Parody (59esimo) e The Onion (128esimo).

 

Il metodo di ricerca - Le categorie usate dall’Mit per distinguere i profili sono sette: i candidati, gli altri politici, le personalità politiche e non che partecipano alle campagne elettorali, i media, le celebrità, i giornalisti e gli opinionisti e “gli altri”. I ricercatori hanno stabilito la lista degli influencer basandosi sia sui social media che sull’informazione tradizionale, perché alcune persone sono figure preponderanti in un campo ma non nell’altro, e viceversa. Tramite un algoritmo, hanno isolato solo i tweet riguardanti le elezioni e hanno moltiplicato ognuno di questi per il numero di follower dell’autore: rientrano così nella lista sia persone che twittano poco ma hanno milioni di seguaci sia chi interviene molto spesso ma ha pochi follower. La scrematura finale si è basata su quattro criteri: numero di menzioni dirette nel panorama delle news, il livello di centralità nell’informazione, le citazioni nei tweet elettorali e il numero di retweet.

 

Guarda l'infografica

Leggi tutto