Addio a Tom Hayden, icona delle lotte radicali negli Usa

(Foto d'archivio, Getty Images)
1' di lettura

Aveva settantasei anni. E’ stato un attivista, senatore della California e marito dell’attrice Jane Fonda

Dopo decenni di battaglie per i diritti civili negli Stati Uniti, è morto a Santa Monica Tom Hayden. Settantasei anni, noto attivista della controcultura radicale negli Stati Uniti degli anni ’60 e ’70, è stato membro del Senato della California dal 1992 al 2000.

 

Gli anni dell'attivismo - Tom Hayden è diventato famoso a metà degli anni sessanta per aver fondato lo Students for a Democratic Society, un gruppo studentesco attivo nell’Università del Michigan che promuoveva i valori della nuova sinistra: lotta contro la disuguaglianza economica, diritti civili, pacifismo. La società ha avuto un profondo impatto nelle lotte radicali di quegli anni. Nel 1964 ha partecipato alle grandi manifestazioni che hanno portato all’approvazione del Civil Rights Act, che ha posto fine alla segregazione degli afroamericani negli Stati del Sud.

 

Matrimonio e carriera politica - Con l'arresto nel 1968 per aver guidato un movimento di protesta studentesca alla convention democratica di Chicago ha preso il via la sua carriera politica. Dal 1982 fino al 2000 ha ricoperto ruoli di primo piano; prima come deputato dell’assemblea della California, poi come senatore dello Stato. Negli ultimi anni di vita è stato commentatore per molti media statunitensi, come il New York Times, Boston Globe e Denver Post, e ha scritto più di venti libri. E' stato sposato con l'icona del cinema statunitense, Jane Fonda, dal 1973 al 1990. 

Leggi tutto