Mosul, battaglia sempre più feroce. Papa: "Crudeltà che fa piangere"

1' di lettura

Forze curde a meno di 9 chilometri dalla roccaforte del califfato. Il Pontefice all'Angelus: "Animi scossi dai crimini contro musulmani e cristiani"

Le forze curde hanno detto di aver isolato otto villaggi a nord-est di Mosul e di trovarsi a meno di 9 chilometri (5,5 miglia) dalla roccaforte del califfato. Le forze curde, conosciute anche come Peshmerga, in un comunicato affermano di aver sigillato un'area di circa 100 chilometri quadrati, ed di aver ripulito anche un pezzo significante di autostrada per limitare i movimenti dei miliziani.

 

Papa: crudeltà che fa piangere - Notizie che arrivano il giorno dopo la strage di oltre 280 civili avvenuta proprio a Mosul e su cui è intervenuto il Papa durante l'Angelus parlando di una crudeltà che fa piangere e lascia senza parole: "I nostri animi sono scossi dagli efferati atti di violenza che da troppo tempo si stanno commettendo contro i cittadini innocenti, siano musulmani, siano cristiani, siano appartenenti ad altre etnie e religioni" ha detto il Pontefice, dicendosi addolorato "della uccisione a sangue freddo di numerosi figli di quella amata terra, tra cui anche tanti bambini".

 

 

Fonti: muri di fuoco Isis a difesa di Mosul - E continuano ad arrivare notizie drammatiche su civili usati come scudi umani. Secondo fonti concordanti per la battaglia finale l'Isis sarebbe pronta a difendersi con trincee riempite di petrolio, sostanze chimiche velenose, bambini e donne usati come 'scudi umani' sui tetti della case contro i raid aerei. Il fuoco, secondo quanto viene riferito, verrà appiccato al greggio nelle trincee, non appena le forze curdo-irachene si dovessero avvicinare alla linee difensive dell'Isis.I jihadisti inoltre avrebbero disseminato la città di ordigni artigianali carichi di sostante chimiche nocive che avrebbero effetti devastanti sia sugli avversari che sulla popolazione civile. Non è possibile verificare in maniera indipendente questo tipo di informazioni che trapelano da Mosul.

 

Ministro Difesa USA ad Irbil per colloqui con curdi - Il segretario alla Difesa Ash Carter è arrivato intanto oggi a Erbil per seguire da vicino la battaglia contro i miliziani dell'Isis nell'Iraq del nord e approfondire il ruolo delle truppe turche nella regione. Carter incontrerà il leader curdo Masoud Barzani, così come i comandanti militari impegnati nella battaglia per la riconquista di Mosul dall'Isis.

Data ultima modifica 23 ottobre 2016 ore 17:15

Leggi tutto