Renzi: "Allucinante la decisione Unesco su Israele"

1' di lettura

Il premier definisce "incomprensibile, inaccettabile e sbagliata" la risoluzione sui luoghi santi del Medio Oriente. Tel Aviv ringrazia: "Parole importanti"

La risoluzione dell'Unesco sui luoghi santi del Medio Oriente "è una vicenda allucinante, ho chiesto al ministro degli Esteri di vederci subito al mio ritorno a Roma. E' incomprensibile, inaccettabile e sbagliato. Ho chiesto espressamente ieri ai nostri di smetterla con queste posizioni. Non si può continuare con queste mozioni finalizzate ad attaccare Israele. Se c'è da rompere su questo l'unità europea che si rompa". Lo ha detto il premier Matteo Renzi a Rtl 102.5, commentando la controversa risoluzione dell'Unesco su Israele. Il premier ha poi precisato: "Non ho convocato il ministro, si convocano gli ambasciatori degli altri paesi, ho detto solo di aver parlato con il ministro degli Esteri". 

 

La risoluzione - La risoluzione su Israele - votata martedì dall'Unesco - mira a "tutelare il patrimonio culturale della Palestina e il carattere distintivo di Gerusalemme Est", ma è stata attaccata  per aver negato il legame millenario degli ebrei con la Città vecchia dove sorge il Muro del pianto, il luogo più sacro agli ebrei di tutto il mondo.

E' stata presentata da Egitto, Algeria, Marocco, Libano, Oman, Qatar e Sudan, mentre l'Italia si è astenuta.

Una posizione che non è piaciuta al premier, che ha spiegato come "Farnesina e governo sono andati in automatico" con "una posizione presa da tanti anni, non ex novo", ma questo "non vuol dire che non sia arrivato il momento di cambiarla". "Sicuramente ce ne siamo accorti tardi. Sarebbe stato più opportuno accorgersene prima" ma "non si può negare" lo status di "quello scrigno prezioso" che è Gerusalemme.

 

Israele ringrazia - Le parole di Renzi sono state accolte positivamente da Israele che si "congratula" con il premier italiano per la presa di posizione "coraggiosa" "Ringraziamo e ci felicitiamo con il governo italiano per questa importante dichiarazione" ha detto il portavoce del ministero degli Esteri israeliano Emmanuel Nahshon.

 

Renzi: "Decisione incomprensibile" - "Storicamente su queste posizioni andiamo sempre insieme agli altri Paesi europei. Ma trovo la decisione Unesco sinceramente incomprensibile e sbagliata. Non si può continuare con queste mozioni, una volta all'Onu, una volta all'Unesco contro Israele. Sostenere che Gerusalemme e l'ebraismo non hanno una relazione è sostenere che il sole fa buio: una cosa incomprensibile, insostenibile e sbagliata. Ho espressamente chiesto ai diplomatici che si occupano di queste cose che non si può andare avanti così: non si può negare la realtà", ha aggiunto Renzi.

 

 

Leggi tutto