Siria, stop ai bombardamenti su Aleppo est. Onu:"Tregua fino a lunedì"

Foto di archivio
1' di lettura

Al via il cessate il fuoco annunciato da Russia e governo siriano "per evacuare i malati e i feriti e per il ritiro dei miliziani dalla città". New York Times: gli Stati Uniti preparano un attacco alla città siriana di Raqqa

 

E' cominciata giovedì mattina alle 8 ad Aleppo est, nel nord della Siria, la tregua annunciata dalla Russia e dal governo siriano “per evacuare i malati e i feriti nonché per il ritiro dei miliziani” dalla città. La tregua, inzialmente prevista fino alle 19 di giovedì, è stata prorogata su pressione dell'Onu almeno a fino a lunedì.

 

Tregua fino a lunedì – "Abbiamo ottenuto dalla Russia la sospensione degli attacchi in termini di ore e giorni. Abbiamo una finestra da venerdì ad almeno fino a lunedì" ha spiegato il consigliere per gli aiuti umanitari dell’Onu, Jan Egeland. Una decisione assunta dopo l’apertura di Vladimir Putin e di Bashar al-Assad. “E’ uno sviluppo positivo ed è meglio che niente” ha commentato Staffan de Mistura, inviato delle Nazioni Unite per la crisi siriana. Secondo Egeland da venerdì mattina le prime centinaia di malati e feriti saranno evacuate verso Aleppo ovest o verso Idlib.

 

Media russo: “Tregua violata” – La tensione tra gli schieramenti, però, rimane alta nonostante il cessate il fuoco: secondo la testata russa Ria Novosti la tregua sarebbe già stata infranta. Alcuni ribelli avrebbero infatti aperto il fuoco con mortai e armi portatili contro il corridoio umanitario del quartiere Bustan al Qasr di Aleppo est: almeno sei proiettili sarebbero esplosi.

 

NYT: “Pronto attacco a Raqqa” – E mentre le armi tacciono ad Aleppo Est, secondo il New York Times gli Stati Uniti si starebbero preparando ad attaccare la capitale siriana dell’autoproclamato Stato Islamico. Il piano a cui si starebbe lavorando insieme alla coalizione anti Isis è quello di assemblare una forza di combattimento al confine tra Iraq e Siria, che avrà l'obiettivo di isolare i militanti jihadisti arroccati a Raqqa, tagliando i collegamenti della città con le altre roccaforti satellite e chiudendo ogni via di fuga.

 

Raid aerei turchi contro milizie curde - Intanto aerei da guerra turchi hanno bombardato nelle ultime ore obiettivi delle milizie curde siriane a Nord di Aleppo. Lo riferiscono fonti di stampa governative turche: uccisi circa 200 miliziani curdi.

 

Hillary Clinton (nel terzo confronto tv con Trump): "No fly-zone in Siria potrebbe salvare molte vite" 

 


Leggi tutto