Gli Usa accusano la Russia: "Attacchi hacker per influenzare elezioni"

1' di lettura

Per la prima volta i vertici dell'intelligence americana accusano formalmente Mosca: "Siamo certi che ci siano loro dietro ai recenti attacchi conto persone e istituzioni statunitensi". LO SPECIALE

L'amministrazione Obama ha formalmente accusato il governo russo di essere dietro gli attacchi degli hacker che hanno colpito le organizzazioni politiche americane - in particolare il partito democratico e i sistemi elettorali di diversi Stati dell'Unione - in vista delle presidenziali dell'8 novembre (LO SPECIALE) sostenendo che il loro obiettivo è "interferire con il processo elettorale Usa". "Noi crediamo, basandoci sulla portata e sensibilità di questi sforzi, che solo alti funzionari russi potrebbero aver autorizzato queste attività" hanno dichiarato in una nota congiunta il ministero della Sicurezza Interna e l'ufficio del Direttore della National Intelligence, che coordina le 16 agenzia di spionaggio Usa.

 

Servizi Usa: "Certi che il governo russo ha diretto gli attacchi" - La dichiarazione congiunta dei massimi responsabili della sicurezza americana è la prima accusa formale ed ufficiale di Washington contro Mosca anche se molti analisti avevano già puntato il dito contro la Russia. Nel testo la comunità degli 007 Usa si dice "certa che il governo russo ha diretto le recente operazioni di violazione di email di persone ed istituzioni Usa, incluse quelle di organizzazioni politiche americane". I recente file fatti filtrare da WikiLeaks (l'organizzazione di Julian Assange) e da altri siti e dall'hacker conosciuto come "Guccifer 2.0" sarebbero "coerenti con i metodi e le motivazioni di sforzi diretti dai russi. Questi furti e rivelazioni -  hanno aggiunto - sono tesi ad interferire nel processo elettorale Usa. Questo tipo di attività non sono una novità per Mosca, i russi hanno usato tattiche simili in Europa e Eurasia, per esempio, per influenzare l'opinione pubblica locale". Nel testo, però, per salvare le apparenze, Mosca non viene accusata di aver cercato di violare gli archivi elettronici dei singoli Stati "Alcuni Stati hanno anche recentemento subito la violazione e dei loro sistemi elettorali che in molti casi sono stati effettuati da una società russa. Tuttavia non siamo in grado di attribuire questa attività (direttamene) al governo russo". 

 

Attacchi anche alla viglia della convention democratica - La dichiarazione non potrà che essere utilizzata dai candidati alle presidenziali: in particolare da Hillary Clinton dopo che il suo rivale repubblicano, Donald Trump, ha elogiato Vladimir Putin ed ha esortato i russi a trovare le 33.000 mail cancellate delle oltre 60.000 che nei 4 anni al dipartimento di Stato (2009-2013) l'ex segretario di Stato Clitnon ha inviato e ricevuto utilizzando un server privato e non quello ufficiale del dipartimento di Stato.  Non solo. Alla vigilia della convention democratica di Filadelfia (25-28 luglio), Wikileaks pubblicò quasi 20.000 mail inviate e ricevute dall'allora presidente del Partito, Debbie Wasserman Schultz, da cui emergeva come tutti i big dell'Asinello fossero schierati senza riserve alcuna per Clinton arrivando a favorirla a scapito dello sfidante, il senatore 'socialista' Bernie Sanders. La rivelazione costò il posto a Schultz.

Leggi tutto