Shimon Peres colpito da un ictus: condizioni serie ma stabili

1' di lettura

L'ex presidente israeliano, 93 anni, ha ripreso conoscenza. I medici non ritengono che un intervento operatorio nelle prossime ore potrebbe giovare alle sue condizioni. "Ci sono buone probabilità che superi l'evento"

"Shimon Peres ha superato la nottata. Le sue condizioni sono stabili ma ancora gravi. Resta sotto controllo di una equipe multidisciplinare di esperti e torneremo a valutare le sue condizioni a metà giornata". Lo ha detto alla stampa il prof. Yitzhak Kreis, direttore del centro medico Sheba di Tel Aviv. Il 93enne ex presidente israeliano è stato colpito ieri da un ictus. A gennaio Peres aveva avuto un lieve attacco cardiaco e la scorsa settimana gli era stato impiantato un pacemaker.

 

"Buone probabilità che superi l'evento" - In un'intervista radio il genero e il medico personale, il professor Rafi Waldan, ha affermato che "non c'è un pericolo immediato per la sua vita". "Ci sono buone probabilità che superi l'evento" ha aggiunto.
Al momento attuale resta sedato "per concedere il massimo riposo al cervello, e consentirgli di riprendersi". In nottata Peres è stato brevemente svegliato "ed è stato allora possibile comunicare con lui". Per il momento, ha aggiunto Waldan, è stato comunque deciso di "non procedere ad alcuna operazione, di non compiere interventi drastici". "La lezione che abbiamo imparato da Peres - ha concluso - è quella di restare ottimisti incorreggibili".

Leggi tutto