Nigeria, ferito gravemente in un raid aereo il leader di Boko Haram

Il leader di Boko Haram Abubakar Shekau (Ansa)
1' di lettura

Abubakar Shekau è stato colpito alla spalla da un bombardamento dell’Aeronautica nigeriana, che ne ha poi dato annuncio su Twitter. Diversi comandanti del gruppo jihadista sono stati uccisi nella stessa operazione

Il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, è stato "ferito gravemente" alla spalla in un bombardamento aereo  dell'Aeronautica nigeriana. L’esercito nigeriano ne ha dato annuncio su Twitter. Il portavoce dell'esercito, il  colonnello Sani Usman, ha inoltre riferito che altri tre comandanti del gruppo islamista sono rimasti uccisi a seguito del bombardamento.

 

 

Shekau non figura tra i terroristi morti anche se sarebbe "ferito gravemente”. Il raid aereo è stato condotto mentre i miliziani islamisti erano impegnati nella preghiera del venerdì nel villaggio di Taye, all'interno della foresta di Sambisa, nel nordest  della Nigeria.

 

Già dato per morto nel 2014 - L'annuncio giunge un giorno dopo la notizia, diffusa dall'aeronautica militare nigeriana, dell'uccisione di circa 300 membri di Boko Haram in una serie di raid nello stato del Borno, una roccaforte del gruppo. Il quattro agosto Shekau aveva annunciato di essere ancora lui il leader dell'organizzazione e non la persona nominata il giorno precedente dall'Isis, Abu Musab al-Barnawi.

 

Nel settembre del 2014 anonime "fonti della sicurezza" avevano riferito che Shekau era rimasto ucciso nel corso di violenti combattimenti con l'esercito camerunese, ma il mese successivo il leader di Boko Haram era comparso in un video affermando di essere ancora vivo.

Leggi tutto