1' di lettura

Parlamentari e delegati del GOP avvertono: "La sua incompetenza rischia di trasformare queste elezioni in una vittoria a valanga per i democratici". Ma il tycoon si difende: "Non voglio cambiare, non sarebbe onesto con la gente". E rilancia: "La campagna sta andando bene"

Si fa sempre più in salita la strada per Donald Trump, il candidato del partito repubblicano nella corsa alla Casa Bianca. I sondaggi vedono il vantaggio di Hillary Clinton crescere, mentre non si placano le polemiche per molte delle sue dichiarazioni, tanto che è arrivato un appello firmato da oltre 100 rappresentanti dello stesso partito repubblicano per chiedere di scaricare il tycoon.

L'appello: "Trump è incompetente" - Nella loro lettera aperta al Republican National Committee parlamentari e delegati si rivolgo ai vertici del partito: "L'incompetenza e l'impopolarità di Donald Trump rischia di trasformare le elezioni in una vittoria a valanga dei democratici, solo lo spostamento immediato delle risorse per le elezioni per la Camera e il Senato eviterà al partito di affogare con Trump".

Trump: "Non ho intenzione di cambiare" - Ma Donald Trump non sembra aver intenzione di indietreggiare. In un'intervista ad una televisione locale del Wisconsin ha affermato: "Non voglio cambiare, sono quello che sono". "Se cambio non sarei onesto con la gente", ha continuato il tycoon. "Quando ho perso le primarie in Wisconsin, tutti dicevano che ero finito", ha spiegato riferendosi alla vittoria di Ted Cruz in quello stato. "L'unico problema è che io sono andato avanti. La campagna sta andando bene".

Scontri di Milwaukee, Trump difende la polizia - Sempre in Wisconsin Trump è intervenuto anche in merito agli scontri di Milwaukee, scoppiati dopo che un agente ha ucciso un afroamericano. Il candidato repubblicano ha difeso il poliziotto coinvolto. "Dobbiamo obbedire alle leggi, altrimenti non abbiamo un Paese - ha  detto visitando una sede della polizia - Noi abbiamo una situazione in cui  gente perbene cerca di riportare le persone alla calma e loro non si  calmano, la nostra polizia sta facendo un lavoro fenomenale". Entrando poi nello specifico ha commentato: "Una pistola  era stata puntata contro la testa del poliziotto, presumibilmente  pronta a sparare. Chi può avere un problema con questo? Questa è la storia, forse non è vera, ma se è vera, la gente non può scendere in strada in rivolta".

Leggi tutto