Belgio, due poliziotte aggredite con machete al grido di "Allah Akbar"

1' di lettura

Una delle due donne ha riportato ferite profonde. L'attentatore è stato ucciso da un terzo agente. Il premier Charles Michel: probabile si tratti di terrorismo

Due poliziotte sono state ferite a colpi di machete - una in modo grave, non è però in pericolo di vita - nei pressi di un commissariato a Charleroi, una cittadina a sud del Belgio (LE FOTO). Ucciso da un terzo agente l’aggressore, che durante l'assalto avrebbe urlato Allah Akbar (Dio è grande).

 

 

 

L'aggressione - Non si conosce ancora l'identità dell'assalitore cheintorno alle 16 si è presentato al check point esterno del commissariato di Charleroi trasportando un borsone sportivo. Appena arrivato ha estratto il machete urlando 'Allah e' grande' ed ha colpito prima una poliziotta, al viso, e poi l'altra, ma con minor forza. Nel frattempo un terzo agente ha estratto la pistola ed ha esploso diversi colpi che hanno raggiunto l'aggressore alle gambe e al torace.

Le due donne sono state portate in ospedale, la più grave ha subito un'operazione ma non è in pericolo di vita. Anche l'assalitore è stato ricoverato, in un altro ospedale, ed è morto in sala operatoria per le lesioni riportate.

 

Premier: sembra terrorismo - Il premier Charles Michel, rientrato dalle vacanze, ha condannato subito "con forza" l'episodio, e ha programmato una riunione con i servizi di sicurezza nazionali. L'autore dell'assalto col machete contro le poliziotte di Charleroi "non è stato ancora identificato ma sembra essere di nuovo un attacco con una connotazione terrorista" ha detto il premier.

 

 

 

 

"Atto ignobile" - Anche il vicepremier e ministro dell'Interno, Jan Jambon, esprime solidarietà ai feriti e bolla l'aggressione come "atto ignobile".

 

 

Charleroi - La città belga di Charleroi nei mesi scorsi è stata usata come base da jihadisti coinvolti negli attacchi di Parigi, novembre 2015, e di Bruxelles, marzo 2016.

 

 

LE FOTO DEL LUOGO DELL'ATTACCO

 

Data ultima modifica 06 agosto 2016 ore 19:15

Leggi tutto