Hacker, Clinton accusa Mosca. E attacca Trump per il sostegno a Putin

1' di lettura

La candidata alla Casa Bianca: "Sappiamo che i servizi di intelligence russi hanno violato il sistema del comitato democratico nazionale"

Dopo aver affidato il messaggio ai suoi portavoce, Hillary Clinton accusa direttamente la Russia di essere dietro alla vicenda delle mail rubate dagli hacker al Partito democratico e poi fatte pubblicare nel tentativo di aiutare Donald Trump . 

"Sappiamo che i servizi di intelligence russi hanno hackerato i computer del Democratic National Committee e sappiamo che hanno organizzato la diffusione di gran parte di quelle mail. E sappiamo anche che Donald Trump ha mostrato un molto preoccupante sostegno nei confronti di Putin". 


La candidata democratica alla Casa Bianca punta quindi il dito direttamente contro Mosca e accusa il suo rivale repubblicano, Donald Trump, per il suo appoggio al leader del Cremlino.
Da giorni negli Stati Uniti monta il timore che la Russia possa cercare di influenzare l'esito delle elezioni americane. L'Fbi ha fatto sapere che sta esaminando le denunce di “cyber-intrusione” ricevute nell’ultimo periodo.

Leggi tutto