Il Papa alle monache di clausura: Facebook non ostacoli la vocazione

1' di lettura

Francesco: nei monasteri i social network posso essere strumenti utili ma non devono danneggiare la vita dedicata alla contemplazione

Nei monasteri di clausura femminili, Facebook e gli altri social network "possono essere strumenti utili per la formazione e la comunicazione", ma Papa Francesco esorta le monache "a un prudente discernimento affinché siano al servizio della formazione alla vita contemplativa e delle comunicazioni necessarie, e non occasione di dissipazione o di evasione dalla vita fraterna in comunità, né danno per la vostra vocazione, né ostacolo per la vostra vita interamente dedita alla contemplazione".


Nella Costituzione Apostolica "Vultum Dei quaerere", pubblicata oggi, il Papa mette in guardia dalle "varie tentazioni, per cui la vostra contemplazione può diventare terreno di combattimento spirituale, che voi sostenete coraggiosamente a nome e a beneficio della Chiesa intera, che vi sa sentinelle fedeli, forti e tenaci nella lotta".

 

"Tra le tentazioni più insidiose per un contemplativo, ricordiamo - scrive Francesco - quella chiamata dai padri del deserto 'demonio meridiano': è la tentazione che sfocia nell'apatia, nella routine, nella demotivazione, nell'accidia paralizzante. Come ho scritto nell'Esortazione apostolica Evangelii gaudium,
questo porta lentamente alla psicologia della tomba, che poco a poco trasforma i cristiani in mummie da museo. Delusi dalla realtà, dalla Chiesa o da se stessi, vivono lacostante tentazione di attaccarsi a una tristezza dolciastra, senza speranza, che si impadronisce del cuore come il più prezioso degli elisir del demonio".  

Leggi tutto