I 23 modi in cui può morire un nero negli Usa: il video delle star

1' di lettura

Alicia Keys, Rihanna, Beyoncé, Bono e Pink sono alcuni dei vip che hanno prestato il loro volto per una clip di denuncia pubblicata su Mic.com e intitolata "23 Ways", in cui vengono elencate alcune delle morti degli afroamericani uccisi dalla polizia negli Stati Uniti

“Per non aver messo la freccia”, “Correndo in bagno nel proprio appartamento”, “Vendendo sigarette all’angolo della strada”, “Camminando verso casa con un amico”. Sono i modi in cui hanno perso la vita Sandra Bland, Ramarley Graham, Eric Garner, Gregg Gunn. Tutti afroamericani, tutti uccisi dalla polizia. Un video denuncia, intitolato “23 Ways”, elenca appunto 23 modi in cui “puoi essere ammazzato se sei nero in America”.

 

 

Il video supporta anche il movimento “We Are Here” e arriva a pochi giorni dalle uccisioni di Alton Sterling e Philando Castlie che hanno scatenato i cortei di Black Lives Matter. In quello di Dallas si è verificata la sparatoria in cui hanno perso la vita 5 agenti.

 

Il video - Ogni star spiega con una frase il modo in cui è stata uccisa una persona afroamericana e subito dopo appare il volto con il nome. La prima è Alicia Keys che pronuncia: “Non aver messo la freccia”, riferendosi alla morte di Sandra Bland, poi Beyoncé evoca Philando Castile che stava “guidando la macchina della fidanzata con il figlio seduto dietro” oppure Freddie Gray morto per aver “guardato negli occhi un poliziotto”.

 

Appaiono poi Lenny Kravitz, Zoë Kravitz, Queen Latifah, Pink, Bono, Jennifer Hudson e Rosario Dawson. Le star si sono prestate per la causa che promuove una petizione, da consegnare al presidente Obama e al Congresso, che in poche ore ha già raccolto migliaia di firme.

Leggi tutto