Usa: due afroamericani uccisi dalla polizia in 48 ore

1' di lettura

I due episodi in Minnesota e Louisiana. In entrambi i casi ci sarebbero dei video a testimoniare quanto accaduto

Ancora due afroamericani uccisi dalla polizia statunitense nel giro di 48 ore.  L’ultimo episodio è avvenuto in Minnesota: ad inchiodare l'agente ci sarebbe un video pubblicato su Facebook e al vaglio degli inquirenti. Secondo i media, la vittima, Philand Castile, 32 anni, era in auto con una donna e un bimbo quando è stato fermato da una volante. Ai poliziotti ha detto di aver con sé un'arma con regolare licenza. Ma al momento di prendere il portafoglio, uno o più agenti gli hanno sparato.

 

Il governatore del Minnesota portato via per sicurezza - Il governatore del Minnesota Mark Dayton è stato portato via dalla sua residenza a St.Paul per motivi di sicurezza dopo che centinaia di persone si erano riunite nella notte davanti alla dimora per protestare contro l'uccisione di Castile."No justice no sleep", "niente giustizia, non si dorme", urlavano i manifestanti, e ancora "Mark Dayton, ti interessa?". I vigili del fuoco hanno dovuto anche spegnere un incendio davanti all'abitazione. 

 

Aperta un'inchiesta per morte di Alton Sterling - Intanto è stata aperta negli Stati Uniti un'inchiesta per l'uccisione, sempre a colpi d'arma da fuoco, martedì mattina, a Baton  Rouge, in Louisiana, di un altro afroamericano, Alton Sterling, morto dopo essere stato buttato a terra da due poliziotti bianchi, come si vede in un video girato da un testimone. Centinaia di persone si sono radunate mercoledì sera sul luogo dove l'uomo è morto per chiedere giustizia.

 

 

Leggi tutto