Brexit, urla e fischi contro Nigel Farage al Parlamento europeo. Video

1' di lettura

Durante la sessione plenaria il leader dell'Ukip è stato contestato dagli altri gruppi. Gelo anche da parte di Juncker: "E' l'ultima volta che lei applaude qui". LIVEBLOG - LO SPECIALE - LE MAPPE - FOTO - VIDEO

Contestazioni da stadio per Nigel Farage durante il dibattito sulla Brexit nella sessione plenaria straordinaria del Parlamento europeo: quando il leader dell’Ukip ha preso la parola, i gruppi politici l’hanno interrotto con cori, fischi e urla. Pungente anche Jean-Claude Juncker: "E' l'ultima volta che applaude in quest'aula".

 

Juncker: "Lei non era per la Brexit?" - I toni si sono alzati quando il presidente della Commissione europea ha affermato che il voto dei britannici va rispettato: vedendo Farage applaudire, Juncker  è passato dal francese all'inglese e l’ha duramente apostrofato: "E' l'ultima volta che lei applaude qui. A dire il vero devo dire di essere sorpreso di vederla qui, lei non era per la Brexit?”.

 


 

Fischi e urla contro Farage - La situazione è degenerata quando il presidente del Parlamento Martin Schulz ha dato la parola a Farage: gli europarlamentari hanno iniziato a contestarlo fischiando e gridando: “Vi ringrazio della calorosa accoglienza - ha ironizzato il leader dell’Ukip - Quando sono venuto qui 17 anni fa dicendo che volevo lanciare una campagna perché la Gran Bretagna lasciasse la Ue mi avete riso tutti in faccia. Ora non ridete più vero?”. L’intervento è proseguito tra le frecciate velenose di Farage - “So che nessuno di voi ha mai lavorato davvero” - e quelle di Schulz che, cercando di riportare la calma, ha detto ai parlamentari: "Vi state comportando come solitamente fa l'Ukip”.

 

“Saremo amici” - A suscitare la reazione degli europarlamentari sono state le ‘promesse’ di Farage: “Il Regno Unito sarà vostro amico, commerceremo con voi, coopereremo con voi - ha detto - Ma perché possa accadere, dovete permetterci di uscire e di realizzare le nostre ambizioni globali”.

 

 

 

 

BREXIT, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI NEL LIVEBLOG  

 

 

Leggi tutto