Usa 2016, Hillary Clinton è la prima donna candidata alla Casa Bianca

1' di lettura

“Si è fatta la storia, uniti siamo più forti” ha detto l’ex first Lady che ha conquistato la nomination dopo il Super Tuesday

"Grazie a voi abbiamo raggiunto una pietra miliare: per la prima volta nella storia della nostra nazione una donna sarà la candidata di un importante partito" alla presidenza. Così Hillary Clinton nel suo discorso della vittoria, a Brooklyn, dopo aver superato la fatidica soglia dei 2.383 delegati necessari per ottenere la nomination democratica, esattamente un secolo dopo l'elezione della prima donna, Jeannette Rankin, al Cogresso degli Stati Uniti. La sua incoronazione era già stata decretata ieri dai media Usa ma l'ex first lady ha preferito aspettare l'esito delle primarie dell'ultimo Super Tuesday del 2016 per celebrare la  vittoria.

L'ex first lady si è aggiudicata la prima vittoria della serata, in New Jersey. E se Sanders l'ha battuta in Nord Dakota, lei ha trionfato anche in New Mexico, in Sud Dakota e risulta in netto vantaggio in California.

 

 

Clinton: "Si è fatta la storia" - "Si è fatta la storia: le barriere possono cadere. Giustizia e libertà possono vincere - ha rimarcato - insieme siamo più forti. La fine delle primarie è solo l'inizio del lavoro che siamo chiamati a fare e se saremo uniti, saliremo insieme, perché insieme siamo più forti".

E nella notte della sua vittoria Hillary Clinton ha twittato una foto da piccola con sua madre, scomparsa nel 2011, a Chicago nel 1950.


 

Sanders non molla - "Il prossimo martedì continuiamo la lotta per vincere le primarie a Washington Dc e poi porteremo la nostra lotta per la giustizia sociale, economica, razziale, a Filadelfia" dove si terrà la convention democratica a luglio. Lo ha detto il candidato per la nomination democratica Bernie Sanders. "So che è una lotta dura, ma continuiamo a lottare per ciascun voto e ciascun delegato".

 


 

Trump: "Mio obiettivo unire le persone ma se devo lottare non mi tiro indietro" - Donald Trump, unico candidato repubblicano in gara, ha vinto tutte e cinque le primarie Gop del Super Tuesday: Sud Dakota, New Mexico, New Jersey, Montana e California. Il suo discorso è stato breve ed istituzionale e ha attaccato la Clinton. "Alcuni dicono che sono troppo un lottatore ma la mia preferenza è sempre per la pace. Il mio obiettivo è sempre quello di unire le persone ma se sono obbligato a lottare per qualcosa a cui veramente tengo non mi tiro mai indietro", ha dichiarato.

 


 

 

Leggi tutto