La figlia di Ali: il suo cuore non voleva smettere di battere

1' di lettura

Venerdì il tributo pubblico del campione scomparso a 74 anni. A pronunciare l'elogio funebre sarà l'ex presidente americano Bill Clinton

“Il suo cuore ha continuato a battere per 30 minuti, mentre tutti gli organi avevano smesso di funzionare. Una cosa mai vista. A testimoniare la forza del suo spirito e della sua volontà".  È il racconto degli ultimi istanti di vita di Muhammed Ali, scomparso ieri all’età di 74 anni (FOTOSTORIA - TWEET - FRASI CELEBRI). Le parole sono di una delle figlie del campione, Hana Ali, che le ha postate su Twitter.


La famiglia al capezzale - "I nostri cuori ci fanno letteralmente male - ha scritto Hana, che con lui aveva scritto il libro "The soul of butterfly" - ma siamo felici che adesso papà sia libero". "Abbiamo cercato di essere forti e gli abbiamo sussurrato nell'orecchio, 'adesso puoi andare, starai bene, ti vogliamo bene, grazie, adesso puoi andare da Dio'". 

Venerdì i funerali - Si terranno venerdì i funerali di Muhammed Ali e sarà l'ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton a pronunciare l'elogio funebre durante il tributo pubblico in memoria a Louisville, in Kentucky. Nella città natale invece si svolgeranno giovedì le esequie in forma strettamente privata con la partecipazione dei familiari. 

 

Leggi tutto