Usa 2016, Clinton e Trump di nuovo sotto attacco

1' di lettura

Secondo il Dipartimento di Stato americano, l'ex segretario di Stato ha usato il suo account privato di posta elettronica per questioni ufficiali. Il miliardario repubblicano accusato invece di elusione fiscale

Prosegue a colpi di indiscrezioni e rivelazioni la campagna per le presidenziali americane (lo speciale), con i due principali competitor che si ritrovano a dover fare i conti con due notizie che potrebbero danneggiarli.

 

Email-gate, Clinton violò le regole - La prima arriva dall'osservatorio indipendente del Dipartimento di Stato americano ed è contenuta in un rapporto pubblicato dal New York Times. Secondo il documento, Hillary Clinton, usando un account privato di posta elettronica per questioni ufficiali mentre ricopriva la carica di Segretario di Stato, ha violato le regole. Il rapporto mette nel mirino non solo il fatto che la Clinton usasse un account privato, ma anche la mancanza di mesi di informazioni sull'incarico svolto dall'ex first lady al Dipartimento di Stato. Per l'ispettore generale nominato da Barack Obama, responsabilità di questo tipo riguarderebbero anche almeno quattro predecessori dell’attuale candidata democratica alla Casa Bianca.

 

"Trump eluse 50 milioni di tasse" - L'altra rivelazione riguarda invece il candidato repubblicano Donald Trump. Per il britannico Daily Telegraph, il miliardario sulla base di un documento da lui firmato nel 2007 e individuato dal giornale durante una inchiesta durata tre mesi, avrebbe fatto un investimento 'mascherato' da prestito per sottrarre al fisco Usa circa 50 milioni di dollari.

 

 

 

Leggi tutto