Trump, “avances e insulti a decine di donne”: inchiesta New York Times

1' di lettura

L’indagine si basa su interviste a oltre 50 donne che hanno lavorato in passato con il tycoon, candidato repubblicano nella corsa alla Casa Bianca

Molto si è scritto sul rapporto tra Donald Trump e le donne. Ora da un'inchiesta del New York Times durata sei settimane, che ha intervistato oltre 50 donne che nel corso degli ultimi 40 anni hanno lavorato e avuto rapporti di qualsiasi tipo con lui, viene fuori un ritratto controverso. Emergono molte storie sgradevoli di "avances indesiderate, commenti ininterrotti sulle loro 'forme', la dipendenza da donne ambiziose e una preoccupante condotta sul lavoro. Tutti rapporti avvenuti nei suoi uffici alla Trump Tower, nelle sue case, nei cantieri e nel backstage dei concorsi di bellezza (di cui è patron)".

 

Ma secondo il Nyt "quello che emerge dalle interviste è un complesso e a tratti contraddittorio ritratto di un uomo ricco, noto e provocatorio, qualcuno che è difficile da racchiudere in una categoria. Alcune donne lo trovano generoso ed incoraggiante. Ne ha promosso diverse ai livelli più alti della sua società, una mossa azzardata a quei tempi per un imprenditore nel settore immobiliare. Non solo. Ha simultaneamente promosso le carriere di donne mentre altre le ha derise per il loro aspetto fisico". In sintesi per il Nyt "un momento può essere (una persona) volgare ed un gentiluomo la successiva".

Leggi tutto