Chernobyl, 30 anni fa il più grave incidente nucleare della storia

1' di lettura

Il 26 aprile 1986 la tragedia nello stabilimento ucraino. Oggi ancora non si sa con certezza il numero delle vittime delle radiazioni. GALLERY - VIDEO

Il 26 aprile 1986 a pochi km da Chernobyl, nell’Ucraina settentrionale, il reattore numero 4 dello stabilimento nucleare V.I. Lenin si scoperchiò durante un test causando il più grave incidente mai verificatosi in una centrale di quel tipo.

 

La dinamica - Il personale dello stabilimento violò numerose norme di sicurezza causando un improvviso aumento della potenza del nocciolo del reattore: si innescò un incendio e una nube di materiale radioattivo ricadde su numerose aree circostanti.

 

 

 

I “liquidatori” - Circa 3.600 persone furono evacuate e centinaia di migliaia di uomini e donne, militari e civili, i cosiddetti "liquidatori" (guarda la gallery) , furono mandati nella centrale per cercare di limitare i danni. I lavori durarono 4 anni. Non si sa esattamente quanti di loro siano ancora vivi, ma oltre il 90% dei sopravvissuti soffre di problemi di salute causati dalle radiazioni: cancro alla tiroide, cardiopatie, complicazioni all'apparato digerente e respiratorio.

 

Il numero delle vittime - Il numero di persone uccise rimane controverso. L'Onu nel 2005 ha riferito che sono state 4mila le vittime morte direttamente a causa delle radiazioni. Ma fino a oggi, al disastro sono stati attribuiti direttamente meno di 50 decessi, quasi tutti di tecnici e vigili del fuoco esposti pesantemente alle radiazioni  e morti nel giro di pochi mesi dopo l'incidente, o scomparsi al più tardi nel 2004. Si stima che fino a 9mila persone potrebbero alla fine morire per l'esposizione alle radiazioni, anche se Greenpeace sostiene che la cifra potrebbe avvicinarsi ai 93mila.

 

 

Leggi tutto