Prince, conclusa l'autopsia: "Né lividi né segni di suicidio"

1' di lettura

I risultati degli esami si conosceranno solo nei prossimi giorni. Dentro una cassaforte dell'artista sarebbero custodite migliaia di canzoni inedite

"Non vi erano segni evidenti di lesioni" sul corpo di Prince. "Non vi sono motivi" finora per sospettare che si sia suicidato. A dirlo, lo sceriffo di Carver County, Jim Olson, nel corso di una conferenza stampa sulla morte del grande artista, la cui autopsia è stata effettuata nelle ore scorse ma il cui risultato si saprà solo tra qualche giorno. Nelle ore scorse, alcune agenzie e media avevano rilanciato l'indiscrezione di un overdose subita dall'artista.

 

Dentro una cassaforte migliaia di canzoni inedite - E intanto nuovi dettagli emergono sulla sua eredità artistica. Migliaia di canzoni inedite, sufficienti per un album all'anno per cento anni: sarebbe questo il tesoro custodito in una cassaforte nel seminterrato di Paisley Park, il compound-studio di Prince al quale nessuno ha accesso. Secondo Cnn, che cita una vecchia intervista a un suo collaboratore, il 70% della sua musica non è stata pubblicata e anche se ha venduto oltre 100 milioni di copie. Sembra che la sua musica migliore sia custodita nella famoso 'vault'. Resta il mistero su chi erediterà il tesoro, visto che non aveva né moglie né figli.

 

Leggi tutto