Papa Francesco: "Sarò a Lesbo per solidarietà ai profughi e ai greci"

1' di lettura

Il Pontefice sabato sarà nell'isola greca. Caritas e gesuiti intanto denunciano le condizioni in cui vengono tenuti i migranti

Papa Francesco, alla fine dell'udienza generale, ha ricordato che sabato sarà a Lesbo "per esprimere vicinanza e solidarietà sia ai profughi sia ai cittadini di Lesbo e a tutto il popolo greco, tanto generoso nella accoglienza". "Chiedo per favore - ha poi aggiunto - di accompagnarmi con la preghiera, invocando la luce e la forza dello Spirito Santo e la materna intercessione della Vergine Maria". Il Pontefice si recherà nell'isola dell'Egeo insieme al patriarca di Costantinopoli Bartolomeo e l'arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia Hieronymos.


Le denunce di Caritas e dei gesuiti - Intanto dal mondo cattolico arrivano due dure denunce sulle condizioni nelle quali vengono trattati i migranti proprio a Lesbo. Secondo la Caritas Internationalis sull'isola "il principale campo per rifugiati e immigrati è ora un 'centro chiuso', il che significa che i rifugiati e gli immigrati non sono autorizzati ad andarsene". Il servizio dei Gesuiti per i rifugiati da parte sua denuncia inoltre che l'accordo tra la Ue e la Turchia "contravviene al dettato della legge internazionale nonché vìola il principio di non-respingimento delle persone bisognose di protezione". "La visita del Pontefice non potrebbe arrivare in un momento migliore" concludono i gesuiti.

Leggi tutto