Attentati Bruxelles, è ancora caccia al terzo uomo

1' di lettura

L'avviso dell'Fbi all'Olanda, ma il Belgio nega di aver ricevuto informazioni

L'Olanda avvertì il Belgio della pericolosità dei fratelli El Bakraoui, su segnalazione dell'Fbi, ma la segnalazione passò inosservata. L'accusa è stata lanciata dal ministro della Giustizia olandese e subito respinta da Bruxelles. Intanto continuano le indagini della procura, prosegue la caccia dell'uomo con il cappello. Faisal Cheffou, il giornalista arrestato e poi scarcerato con l'accusa di essere l'attentatore, aveva infatti un alibi: era in casa al momento delle esplosioni, come dimostrano i tabulati telefonici.

 

Intanto è stata riaperta la metro, salvo la fermata di Maelbek, mentre resta chiuso l'aeroporto dove American Airlines ha sospeso tutti i voli Usa-Bruxelles fino al 7 aprile. Ed è terminato, nel frattempo, il riconoscimento delle 32 vittime e dei 3 kamikaze. La stazione ferroviaria di Charleroi sud, in Belgio, è stata inoltre evacuata per qualche ora a causa di un falso allarme bomba. La circolazione dei treni è poi ripresa regolarmente.

 

Secondo il quotidiano Le Soir, citato anche dalla Cnn, sarebbero otto le persone ricercate nel quadro delle inchieste sugli attentati di Bruxelles e Parigi. Resi noti anche i nomi di due dei ricercati: si tratterebbe del belga ivoriano Yoni Patrick M., che nel 2013 è andato in Siria insieme ad Abdelhamid Abaaoud ed il fratello Younes, e del siriano di 28 anni Naim A., legato agli attacchi nella capitale belga e che starebbe al momento usando documenti falsi.

Data ultima modifica 30 marzo 2016 ore 17:15

Leggi tutto