Earth Hour 2016: un'ora dedicata al futuro

1' di lettura

Alle 20.30 di sabato 19 marzo si sono spente le luci in oltre 300 luoghi simbolo di quasi 200 paesi. Spegnete anche voi la luce e inviateci una foto usando l'hashtag #SkyandWWF

Se pensate che la battaglia per l'ambiente sia una missione riservata a leader politici, grandi scienziati e noti ecologisti siete sulla strada sbagliata. Tutti possiamo agire per fermare i cambiamenti climatici e nella lotta al surriscaldamento globale si può fare molto con molto poco: a volte basta spegnere una lampadina.

E' questo il senso dell'Earth Hour. L'iniziativa del Wwf è giunta alla decima edizione e negli ultimi anni ha raccolto un numero sempre maggiore di adesioni e consensi.
Anche quest'anno le cifre sono importanti: luce spenta in 366 luoghi simbolo di 178 paesi. Nella lista ci sono la Tour Eiffel e L’Empire State Building, oltre alla Basilica di San Pietro e al Colosseo. In Italia hanno aderito finora oltre duecento luoghi da nord a sud. Un'ora di virtuoso black out, alle 20.30 di sabato 19, nel rispetto dei vari fusi orari.

 

 

Le indicazioni da seguire - Lampadine a parte, per aiutare la Terra basta seguire alcune piccole accortezze: non esagerare con il riscaldamento, chiudere tende e persiane di sera per impedire la dispersione di calore, isolare bene finestre e pareti, limitare l'uso dei condizionatori e pulire bene i filtri, non lasciare gli elettrodomestici in stand by, usare lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico. Anche fuori di casa si può fare molto: meglio la bici o i mezzi pubblici dell'auto e se entrate in un negozio scegliete prodotti riutilizzabili, per ogni chilo in meno di rifiuti si riducono di un chilo le emissioni di CO2.

 

L'hashtag - Earth Hour 2016 viaggerà anche sui principali social network, seguendo l'hashtag #oradellaterra. Sky appoggia l'iniziativa del Wwf e riserva all'evento un programmazione dedicata. Alle 20.30 di sabato 19 spegnete anche voi la luce e inviateci una foto usando l'hashtag #SkyandWWF.
 

Leggi tutto