Siria, colloquio Obama-Putin: "Intensificare collaborazione"

1' di lettura

Dopo i toni alti a Monaco di Baviera, i presidenti di Russia e Usa si sentono al telefono: "Necessario lavorare insieme per fermare Isis". La Casa Bianca chiede a Mosca di cessare i bombardamenti contro l'opposizione moderata al regime. Da Turchia e Arabia Saudita disponibilità a inviare truppe di terra. L'Iran frena. Damasco accusa: militari di Ankara hanno sconfinato

Dopo le scintille tra Stati Uniti e Russia alla conferenza di Monaco sulla crisi siriana, a stemperare i toni arriva un colloquio telefonico tra Barack Obama e Vladimir Putin. Il presidente americano e quello russo, riferisce prima l'agenzia Interfax e poi una nota della Casa Bianca, hanno sottolineato la necessità di stabilire stretti contatti di lavoro tra il ministero della Difesa russo e il dipartimento della Difesa statunitense per combattere l'Isis. Secondo i due leader, inoltre, è necessario intensificare la cooperazione tra le rispettive agenzie ed altre strutture per implementare l'accesso umanitario alle aree assediate in Siria e dare il via a una tregua su scala nazionale.

Usa: Mosca cessi bombardamenti contro ribelli –
Gli Stati Uniti, inoltre, hanno chiesto a Mosca di fermare i bombardamenti contro l'opposizione moderata al regime di Bashar al Assad. Richiesta simile è arrivata dalla Francia alla Turchia: interrompa i bombardamenti nel nord della Siria contro le forze curdo-siriane del Pyd. In un comunicato, il governo di Damasco ha accusato Ankara di aver “colpito con la sua artiglieria le postazioni dell'Esercito siriano nel nord della provincia di Aleppo” e di dare, così, un “sostegno diretto al terrorismo”. Poi, in una lettera all'Onu, ha aggiunto: "12 pickup armati e circa 100 militari turchi sono entrati nelle ultime 24 ore nel nostro territorio nei pressi del valico di Bab al-Salameh".

Tensione a Monaco – A Monaco di Baviera, sede del  vertice internazionale sulla crisi del Paese mediorientale, i toni erano tornati ad alzarsi dopo un faccia a faccia tra il segretario di Stato John Kerry e il ministro degli Esteri Lavrov. Washington ha prospettato un intervento di truppe di terra se non saranno rispettati i patti, mentre Mosca ha evocato una nuova Guerra fredda. Anche Turchia e Arabia Saudita si sono dichiarate pronte all'invio di truppe di Terra. Ma l’Iran frena: “Non lasceremo che la situazione in Siria vada come vogliono le nazioni ribelli, prenderemo le misure necessario in tempo”, ha detto il vice capo di Stato maggiore iraniano, Masoud Jazayeri.

Leggi tutto