Nigeria, Boko Haram dà alle fiamme un villaggio: 86 morti, anche bimbi

Un'immagine di archivio di un altro attacco di Boko Haram dello scorso luglio
1' di lettura

Nuovo massacro compiuto dai miliziani vicino a Maiduguri. Il portavoce dell’esercito: “Molte persone sono state uccise, numerose sono rimaste ferite”. I testimoni hanno raccontato di aver sentito le urla dei bambini che provenivano dalle case incendiate

Nuova strage di Boko Haram in un villaggio a una decina di chilometri di Maiduguri, capitale dello Stato di Borno, nel nord-est della Nigeria.

Testimoni parlano di decine di corpi bruciati e crivellati di proiettili per le strade di Dalori dopo un attacco avvenuto ieri sera. Un uomo, che è riuscito a sfuggire nascondendosi su un albero, ha raccontato di aver sentito le urla dei bambini tra le fiamme. Secondo i media on line della zona i civili massacrati sarebbero almeno 86.  "Molte persone sono state uccise, numerose sono state ferite", ha dichiarato in un comunicato il portavoce dell'esercito nigeriano Mustapha Anka.

 

Alcuni testimoni hanno raccontato che i miliziani di Boko Haram hanno imperversato nel paese per quattro ore e tre donne kamikaze si sono fatte esplodere tra le persone che fuggivano. Uno degli uomini, che hanno raccontato il massacro, è rimasto nascosto su un albero fino all'arrivo dei soldati questa mattina ed ha parlato a condizione di mantenere l'anonimato per paura di ritorsioni.

 

Data ultima modifica 31 gennaio 2016 ore 18:45

Leggi tutto