Nuovo naufragio nell'Egeo: almeno 39 morti, 5 sono bambini

1' di lettura

Un barcone, sul quale viaggiavano oltre 80 persone, si è capovolto al largo delle coste di Bademli, nella Turchia occidentale. I migranti, provenienti da Siria, Afghanistan e Myanmar, erano diretti verso l’isola greca di Lesbo

Almeno 39 migranti, tra i quali 5 bambini, sono affogati nel Mare Egeo nelle prime ore di oggi, sabato 30 gennaio, mentre tentavano di raggiungere l'isola greca di Lesbo. Secondo quanto riportano i media turchi, il barcone sul quale viaggiavano oltre 80 migranti, provenienti da Siria, Afghanistan e Myanmar, si è capovolto al largo delle coste di Bademli, nella Turchia occidentale. L'imbarcazione era appena salpata da Ayvac. La guardia costiera turca ha tratto in salvo 75 persone. Il bilancio, però, potrebbe aggravarsi. Le autorità turche spiegano che sono ancora in corso i tentativi di raggiungere il relitto del barcone di 17 metri. "Ha colpito le rocce poco dopo essere salpato e purtroppo è affondato. Crediamo che ci siano altri corpi intrappolati nella barca", ha detto il vicegovernatore di Canakkale, Saim Eskioglu.

Giovedì scorso 24 migranti, di cui 10 bambini, sono morti in un naufragio al largo dell'isola greca di Samos.

Proseguono gli sbarchi anche in Italia - È giunta invece nel porto di Pozzallo (Rg) la nave "Siem Pilot" con a bordo 212 migranti soccorsi al largo delle coste libiche. Un senegalese di 18 anni e un gambiano di 27 sono stati fermati dalla polizia di Stato di Ragusa perché ritenuti gli scafisti.
Anche a Taranto la Nave Aliseo è approdata al molo san Cataldo per sbarcare 411 migranti salvati nelle ultime ore nel Mar Mediterraneo e le 6 salme recuperate durante le operazioni di soccorso.




Data ultima modifica 31 gennaio 2016 ore 11:55

Leggi tutto