Fifa, Comitato etico squalifica Blatter e Platini per 8 anni

1' di lettura

I presidenti Fifa e Uefa erano coinvolti in un'indagine su alcuni casi di corruzione. Le sanzioni entreranno in vigore immediatamente, ma i due potranno ricorrere in appello. Il dirigente svizzero annuncia ricorso: "Triste e dispiaciuto, sono sempre il presidente". Il pallone d'Oro: "Sentenza già scritta"

Il presidente della Fifa Sepp Blatter e quello della Uefa, Michel Platini, sono stati squalificati per otto anni da tutte le attività legate al calcio in seguito ad un'indagine della Commissione etica della Fifa in relazione all'inchiesta interna relativa a un pagamento sospetto di 1,8 milioni di euro. Le sanzioni entreranno in vigore immediatamente. "Sono triste e dispiaciuto, sono stato trattato come un punching ball", ha detto in una conferenza stampa il dirigente svizzero, che ha annunciato riscorso, ribadendo che comunque resta presidente. "Nessuna novità, il verdetto era stato scritto quattro mesi fa. Per questo non sono sorpreso", ha detto invece Platini, sostenuto anche dalla Uefa che ha chiesto il diritto "a un giusto processo e la possibilità di rendere il suo nome pulito".

 

Possibile ricorso - La Commissione etica della Fifa non ha giudicato convincenti le spiegazioni del presidente Blatter e del capo dell'Uefa Platini, sulla vicenda del pagamento di due milioni di franchi svizzeri pagati dal primo al secondo, per prestazioni professionali lontane negli anni e mai contrattualizzate formalmente.
La squalifica dei massimi vertici della Fifa ha effetto immediato, e la prima inevitabile conseguenza è l'impossibilità per Michel Platini di candidarsi alle elezioni per la presidenza della Fifa in programma nel prossimo febbraio. I due potranno presentare appello alla Fifa e poi anche dinanzi alla Corte arbitrale per lo sport. La commissione etica ha anche condannato Blatter al pagamento di un'ammenda di 50mila franchi svizzeri e Platini di 80mila.

 

 

La reazione di Blatter - "Sono davvero dispiaciuto perché sono stato trattato come un punching ball e sono triste come presidente della Fifa per il calcio, triste e dispiaciuto per la Fifa, ma soprattutto mi dispiace l'aspetto umano di questa situazione", ha commentato il presidente della Fifa.
"Potete identificarmi come un ottimista, pensavamo di avere convinto la camera arbitrale del Comitato Etico presieduta da Hans Joachim Eckert, di questa situazione, di come è stata creata. Con Michel Platini avevamo un contratto che era terminato ma era ancora valido invece adesso non siamo in questa situazione. Avevamo un contratto orale, un gentleman agreement che era in atto dal 1998", ha aggiunto Blatter. "Eravamo in Francia e Platini mi ha detto che avrebbe voluto lavorare per la Fifa, io gli ho risposto che sarebbe stato meraviglioso, sono suo amico e gli ho detto che non avrei potuto pagarlo adesso: 'tu lavori e poi ti pago'. Ma hanno negato l'esistenza di un contratto di questo tipo e questo accordo era direttamente o indirettamente confermato da due incontri a livello internazionale, uno in Svezia e uno a Zurigo".

 

Leggi tutto