Dall'auto senza pilota al telecontrollo, le migliori idee del 2015

TED.com
1' di lettura

Il riconoscimento emotivo, la stampa 3D super-veloce, la tecnologia delle auto senza pilota e le nuove frontiere del telecontrollo: ecco una rassegna dei video più apprezzati su TED (Technology Entertainment Design), la piattaforma online del noto programma di conferenze

La tecnologia che permette alle auto senza pilota di “vedere” la strada ed evitare gli incidenti. La dimostrazione di come sia possibile controllare a distanza un’altra persona. Le più recenti scoperte per velocizzare la stampa 3D e le app di riconoscimento emotivo. Ma anche la ricerca di pianeti oltre il sistema solare e l’utilizzo di materiale sintetico e organico per il design del futuro. Non mancano poi le risposte ai nuovi dubbi etici: perché milioni di utenti guardano i video con le decapitazioni dell’Isis? Come si possono contrastare le umiliazioni pubbliche online? E poi i temi su cui da sempre ci interroghiamo e su cui ora arrivano prospettive nuove: la psicologia della dipendenze e le dinamiche del tradimento.

Sono questi alcuni degli interventi che nel corso del 2015 hanno fatto registrare il maggior successo su TED.com, la piattaforma di video online del più noto programma di conferenze su tecnologia, design e intrattenimento al mondo (può contare su oltre 2000 video online, visti più di 1 miliardo di volte). Così come gli altri colossi del web a fine anno rilasciano le loro classifiche degli argomenti più cercati e discussi, anche TED.com ha condiviso la sua rassegna “Year in Ideas” con gli spunti più interessanti emersi nelle varie conferenze che si tengono intorno al mondo.

Il telecontrollo non è fantascienza
- E’ possibile controllare i movimenti del braccio di un’altra persona con il solo pensiero? Certo, grazie alle ultime scoperte nel campo dell’elettrofisiologia, come dimostra questo piccolo esperimento realizzato proprio durante una TED Conference. Il video è stato visto più di 3,4 milioni di volte su TED.com



La stampa 3D super-veloce - “La chiamiamo 3D, ma l’attuale stampa additiva è in realtà 2D”. Così ha esordito Joseph DeSimone, fondatore di Carbon3D, azienda che sta rivoluzionando il mondo della stampa 3D, lavorando soprattutto su quello che oggi è il suo punto debole: i tempi davvero troppo lenti. Prendendo ispirazione da Terminator 2, la sua startup è riuscita a mettere a punto un metodo fino 100 volte più veloce di quello tradizionale.



Ringiovanire con la scienza - E’ una delle più importanti scoperte degli ultimi anni. E potrebbe cambiare il modo in cui vengono curate le malattie neuro-degenerative (e non solo). E’ stata messa a punto nel laboratorio di Stanford del neurologo Tony Wyss-Coray dopo che il suo team ha notato i progressi nelle persone anziane che hanno subito la trasfusione di sangue giovane.



Riconoscimento emotivo - Dopo il riconoscimento visivo, la nuova frontiera è quello emotivo. E, cioè, insegnare alle macchine non solo a riconoscere una persona, ma anche quali sono le emozioni sul suo volto. I primi prototipi di questa tecnologia già esistono e uno di questi è stato mostrato durante una TED Conference da Rana el Kaliouby, fondatrice di Affectiva, uno spin off del MIT Media Lab focalizzato sul riconoscimento emotivo.



Perché i video dell’Isis sono così visti? - Dopo una rassegna degli atti di violenza pubblica nella cultura occidentale, l’antropologa Frances Larson ha spiegato come l’Isis non sia affatto un movimento primitivo (come ci piace pensare), ma un abile comunicatore in grado di sfruttare al meglio il nostro appetito per contenuti forti nel nuovo scenario digitale.

 

Pubbliche umiliazioni - “Sono stata il paziente zero a perdere la reputazione su scala globale quasi istantaneamente”. Parola di Monica Lewinsky, la stagista finita al centro dello scandalo sessuale con l’allora presidente Usa Bill Clinton. La Lewinsky ha dovuto pagare il “prezzo della vergogna” non solo su stampa e tv, ma anche nella nuova arena informativa del web. Dopo anni di silenzio, ora ha deciso di ripartire proprio dalla sua storia per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di strumenti più efficaci contro il cyberbullismo.

Il costo del tradimento - In uno dei più visti interventi dell’anno su TED.com, la terapista Esther Perel ha invece affrontato con chiarezza uno degli argomenti tabù della nostra società: perché tradiamo? E quali sono le differenze tra uomini e donne?


Leggi tutto